Covid nelle Marche: 388 nuovi casi. “Troppe” vaccinazioni: “Figliuolo ci fa rallentare”

Covid nelle Marche: 388 nuovi casi. “Troppe” vaccinazioni: “Figliuolo ci fa rallentare”.

I dati. Il Servizio Sanità della Regione Marche ha comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati testati 4954 tamponi: 2723 nel percorso nuove diagnosi (di cui 761 nello screening con percorso Antigenico) e 2231 nel percorso guariti (con un rapporto positivi/testati pari al 14,2%).

I positivi nel percorso nuove diagnosi sono 388 (78 in provincia di Macerata, 73 in provincia di Ancona, 100 in provincia di Pesaro-Urbino, 44 in provincia di Fermo, 84 in provincia di Ascoli Piceno e 9 fuori regione).

Questi casi comprendono soggetti sintomatici (60 casi rilevati), contatti in setting domestico (92 casi rilevati), contatti stretti di casi positivi (127 casi rilevati), contatti in setting lavorativo (9 casi rilevati), contatti in ambiente di vita/socialità (1 caso rilevato), contatti in setting assistenziale (1 caso rilevato), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (2 casi rilevati), screening percorso sanitario (2 casi rilevati) e 1 caso proveniente da fuori regione. Per altri 93 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche. Nel Percorso Screening Antigenico sono stati effettuati 761 test e sono stati riscontrati 52 casi positivi (da sottoporre al tampone molecolare). Il rapporto positivi/testati è pari al 7%.

“Troppe” vaccinazioni: “Figliuolo ci fa rallentare”. Suona intanto come una beffa l’ultima richiesta del Generale Figliuolo, che solo pochi giorni fa aveva lodato la regione per il ritmo sostenuto, che aveva permesso alla regione Marche di completare, prima in Italia,  la vaccinazione over 80.  Di ieri la notizia sarà necessario diminuire la velocità di vaccinazione. “Fino al 29 aprile rallenterà la campagna vaccinale nelle Marche dalle circa 11mila inoculazioni al giorno a 9.500, un target richiesto in una comunicazione dal commissario all’emergenza Covid-19 gen. Francesco Paolo Figliuolo”. Lo ha riferito l’assessore regionale alla Sanità Filippo Saltamartini rispondendo a un’interrogazione delle consigliere M5s Simona Lupini e Marta Ruggeri sui ritardi nelle inoculazione dei vaccini ai familiari delle persone con disabilità gravi.
“Stiamo viaggiando 11mila dosi al giorno e dobbiamo rallentare attestandoci su 9.500 vaccini”, ha detto Saltamartini ricordano che tra maggio e giugno nelle Marche dovrebbero arrivare tra i 6-700mila vaccini”. “Abbiamo l’obbligo di programmazione ma anche di allestire ulteriori punti vaccinali con medici pensionati, le Croci e altri enti per portare a compimento le vaccinazioni”.

Leave a Response