Le Marche possono sperare: positivi in diminuzione dai test effettuati, in calo anche i ricoveri ma altre 20 vittime – VIDEO

ANCONA – Dopo il week end di Pasqua torna a regime il numero dei tamponi effettuati: percentuale dei positivi in diminuzione. 

In abbassamento la percentuale dei positivi al Covid nelle Marche: secondo i dati divulgati dal Servizio Salute della Regione Marche sono stati scoperti 286 tamponi positivi dai 1499 molecolari effettuati, con un’incidenza del 19%, a cui si aggiungono i 79 test positivi sui 1691 antigenici con una percentuale positivi/testati del 5%. 

Complessivamente, al netto del percorso dei tamponi per “liberare” i positivi, il rapporto positivi/testati pari al 9%.

I positivi nel percorso nuove diagnosi sono 286 (33 in provincia di Macerata, 53 in provincia di Ancona, 128 in provincia di Pesaro-Urbino, 21 in provincia di Fermo, 34 in provincia di Ascoli Piceno e 17 fuori regione).

Questi casi comprendono soggetti sintomatici (38 casi rilevati), contatti in setting domestico (84 casi rilevati), contatti stretti di casi positivi (55 casi rilevati), contatti in setting lavorativo (6 casi rilevati), contatti in ambiente di vita/socialità (2 casi rilevati), contatti rilevati in setting assistenziale (1 caso rilevato), screening percorso sanitario (2 casi rilevati) e 1 caso proveniente da fuori regione. 

I ricoveri. Nelle ultime 24ore sensibile calo del numero di ricoverati per Covid-19 nelle Marche: da 924 sono passati a 897 (-27) con riduzione di degenti in Terapia intensiva (139; -2), in Semintensiva (209; -8) e nei reparti non intensivi (549; -17). Alto il numero di dimessi nell’ultima giornata: sono 67. Ancora in calo i positivi in isolamento domiciliare (7.429; -78) e le quarantene per contatto con positivi (14.941; -359).

Le vittime. Venti morti correlati al Covid-19 nelle Marche in 24ore di cui otto della provincia di Ancona e cinque del Maceratese. Lo evidenzia l’aggiornamento del Servizio Sanità della Regione: finora il bilancio regionale di vittime è di 2.737. Gli ultimi deceduti sono dieci donne e dieci uomini tra i 65 e i 98 anni, tutti con patologie pregresse ad eccezione di uno, un uomo di 92 anni di Camerano.

Quello di aprile sarà un mese decisivo di lotta contro il Covid, l’imperativo è accelerare con le vaccinazioni. Domani la visita a Macerata e ad Ancona del commissario straordinario all’emergenza Covid 19 il generale Figliuolo.

 

Leave a Response