“Una crisi economica spaventosa”: i reati legati alla pandemia, le procure a lavoro – VIDEO

ANCONA – Occhi puntati sulle forniture di presidi sanitari, ma anche sulle acquisizioni poco trasparenti di aziende in difficoltà, al netto di reati legati al web e quelli legati alla violenza domestica.  In questo senso, nei due mesi di lockdown della prima ondata che  ha confinato le persone fra le quattro mura di casa è stata registrata un’impennata del 49% di maltrattamenti, come è emerso in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario lo scorso gennaio.  Se in un anno la pandemia ha messo in ginocchio migliaia di persone e imprese, dall’altro, come sempre accade nei momenti di emergenza, c’è chi si riempie la bocca, lucrando sulle disgrazie. Il punto con Sergio Sottani, procuratore generale presso la Corte di Appello di Ancona. 

Leave a Response