Benessere. Cna e Confartigianato: “riaprire subito anche in zona rossa” – VIDEO

ANCONA – “Riaprire anche in zona rossa”. E’ il grido d’allarme unanime di Confartigianato e Cna, in merito alla necessità di far tornare a lavorare le imprese del benessere dopo la chiusura forzata in zona rossa decisa con il DPCM del 2 marzo. L’appello è univoco e chiaro: ripartire subito.

A fronte delle chiusure forzate, denunciano le due associazioni, non è seguita la predisposizione di alcun sostegno economico Per questo è stata promossa una petizione online e inviato una comunicazione ai parlamentari a sostegno della richiesta di riapertura delle attività, argomento anche di un incontro con la Prefettura di Ancona, per evidenziare come la categoria debba essere considerata essenziale e riaperta in zona rossa.

L’obiettivo è quello di tutelare il lavoro di 4098 imprese, di cui circa 3 mila acconciatori e oltre 1000 estetiste, che danno lavoro a 15 mila addetti. Una tutela del lavoro legale anche dal fenomeno dell’abusivismo conseguente le chiusure, ormai sempre più dilagante.

Leave a Response