Terremoto di 5.6 al largo della Puglia, avvertita anche nelle Marche

ANCONA – Una prima forte scossa di terremoto, alle 14.47, in mare nell’Adriatico Centrale con epicentro a 90 km dalla costa foggiana, a una profondità di 5 chilometri e poi nove repliche in un’ora, tutte nella stessa zona: tra le 14:47 e le 16:05 tre scosse di magnitudo superiore al 4 (4.1 alle 15.00, 4.1 alle 15.13 e 4.0 alle 15:21), quattro di magnitudo superiore al 3, e tre di magnitudo superiore al 2.

La scia sismica è stata avvertita in varie regioni italiane tra cui Puglia, Abruzzo, Molise Campania e anche nelle Marche in particolare nelle zone dell’Ascolano, del Fermano e del Maceratese.

Al momento, fanno sapere il Comando generale dei vigili del fuoco, non c’è stata alcuna segnalazione di danni e nessuna richiesta di aiuto è arrivata alle sale operative. Il dipartimento di Protezione civile sta monitorando la situazione e la Sala situazione Italia è in contatto con le strutture di protezione civile sul territorio ma al mmento “non sono stati segnalati danni a persone o cose”.

Leave a Response