Aumentano ricoveri e pressione sui Pronto Soccorso. 12 vittime. Un terzo dei positivi dall’Anconetano

ANCONA – Cala leggermente il rapporto tra positivi e test, un terzo dei tamponi infetti arriva dalla provincia di Ancona. Ci sono 12 nuovi ricoveri, ma aumenta anche la pressione sui Pronto Soccorso. 12 anche le vittime di giornata.

I decessi

Sono 12 le vittime nelle ultime 24 ore nelle Marche, di cui 10 della provincia di Ancona. La più giovane è un uomo di 61 anni di Cantiano, poi due 62enni: una donna di Jesi e un uomo di Porto Sant’Elpidio Il totale dall’inizio dell’emergenza sale a 2464

Gli ospedali

Nelle ultime 24 ore si sono registrati 12 ricoveri in più nelle Marche (totale 880), tutti nei reparti di semi intensiva (226). Restano invariati il numero di pazienti nelle terapie intensive (133) e nei reparti non intensivi (521). In crescita il dato delle persone in attesa di posto letto nei Pronto Soccorso: da 125 a 144 (+19). Gli ospiti nelle strutture territoriali sono 236. Il balzo positivo è quello dei dimessi (+48) e del totale tra dimessi e guariti (67.406): +876

Il contagio

Il Servizio Salute ha analizzato 2931 tamponi molecolari nel percorso delle nuove diagnosi con 856 nuovi casi (29,2% la percentuale). Nel Percorso Screening Antigenico sono stati effettuati 1702 test e sono stati riscontrati 176 casi positivi (da sottoporre al tampone molecolare). Il rapporto positivi/testati è pari al 10%. Nel percorso guariti invece sono stati effettuati 2978 tamponi, con un rapporto positivi/testati pari al 18,5%.

Dei nuovi casi positivi 310 arrivano dalla provincia di Ancona, 198 in provincia di Macerata, 111 in provincia di Fermo, 98 in provincia di Pesaro-Urbino, 91 in provincia di Ascoli Piceno e 48 fuori regione. Questi casi comprendono soggetti sintomatici (92 casi rilevati), contatti in setting domestico (156 casi rilevati), contatti stretti di casi positivi (298 casi rilevati), contatti in setting lavorativo (27 casi rilevati), contatti in ambiente di vita/socialità (5 casi rilevati), contatti in setting assistenziale (1 caso rilevato), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (8 casi rilevati), screening percorso sanitario (4 casi rilevati). Per altri 265 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche.

Leave a Response