Bar e ristoranti del porto: “Ordinanza non chiara” – VIDEO

ANCONA – “Oggi rimarremo chiusi in attesa di chiarimenti sulla nuova ordinanza. Non abbiamo idea di come ci dobbiamo comportare”. È il cartello che si legge su uno dei locali all’interno del porto di Ancona tutti rimasti chiusi nel giorno in cui entra in vigore il provvedimento del sindaco Valeria Mancinelli e in cui il capoluogo passa in fascia arancione.

Il primo cittadino ha stabilito che le deroghe previste per questi locali dal Ministero della salute siano applicabili solo ai viaggiatori e non più a tutti i fruitori indistintamente. Dunque da oggi i bar e ristoranti del porto dorico potranno continuare a restare aperti anche oltre l’orario di chiusura previsto per il settore e accogliere all’interno solo chi sarà munito di un biglietto. Per tutti gli altri clienti si applicherà l’asporto come negli altri locali del centro storico.

La decisione come si legge nell’ordinanza è motivata dal verificarsi finora di assembramenti nell’area portuale sia durante il giorno, sia soprattutto nelle ore serali, quando gli altri esercizi cittadini devono osservare per norma la chiusura.

L’appello alla collaborazione per fare in modo che tutti rispettino le regole arriva anche dalla Polizia Municipale. Ma come si legge nell’ordinanza la sanzione per gli eventuali trasgressori sarà a carico dei clienti e non dei ristoratori. Se dunque chiariti i dubbi c’è chi si prepara a riaprire c’è chi invece almeno per il momento resterà chiuso.

Leave a Response