Un video per ricordare il medico-attore Lorenzo Farinelli

Un video per i due anni dalla scomparsa di Lorenzo Farinelli, il giovane medico anconetano stroncato l’11 febbraio 2019, a 34 anni, per un linfoma non Hodgkin. La Fondazione che porta il suo nome vuole ricordarlo coinvolgendo amici e parenti.

All’apice della malattia, Lorenzo aveva raccolto, con un messaggio diventato virale sui social, la cifra che lo avrebbe potuto portare in America per curarsi con la terapia delle CAR-T-cell, una realtà ancora non sviluppata in Italia. La malattia, il Linfoma non Hodgkin, ha avuto però la meglio e la famiglia Farinelli è rimasta con la solidarietà di tantissimi italiani. Per volere del medico-attore, la mamma Amalia Dusmet, oggi presidente, ha istituito la Fondazione con lo scopo di sostenere la ricerca onco-ematologica. 

Una vita dedicata alla Medicina, come ricorda Lucia Masiero, direttrice della Residenza Dorica di Ancona, dove Lorenzo ha lavorato, ma anche al Teatro, una delle più grandi passioni del ragazzo, come ricordano Alessandro De Rosa del Laboratorio teatrale San Paolo e Serena Bianchini, maestra alla scuola di recitazione ‘Ritmosfera’. 

Un pensiero speciale arriva poi da Don Davide, il parroco del Ss Crocifisso che ha condiviso un periodo difficile, in salita, della vita di Lorenzo. “Lorenzo è quella persona da cui mi aspettavo di essere caricato di punti interrogativi come: perché soffrire, perché morire… Invece, abbiamo ragionato su queste domande con pacatezza, senza arroganza. Lorenzo mi ha insegnato ad essere in pace con Dio, continuando ad avere fiducia in lui e nella vita”. 

E ancora, il pensiero di amici e parenti a testimoniare, ognuno a proprio modo, il loro legame indissolubile con Lorenzo. Spazio anche alla poesia con due testi originali del ragazzo, recitati da due amiche del medico anconetano.

Il video sarà pubblicato su tutti i canali social della Fondazione (Facebook e Instagram), sul sito www.fondazionelorenzofarinelli.it e in home page del network Senzaetà (www.senzaeta.it).

Leave a Response