Il contagio nelle Marche: dal report giornaliero 19,2% dei positivi sul totale dei tamponi

Tra molecolare e antigenici la percentuale dei positivi è del 19,2% sul totale dei tamponi effettuati.

ANCONA – Sono 703 i tamponi risultati positivi nelle Marche nel percorso delle nuove diagnosi: il dato emerge dai 3649 test effettuati con un’incidenza totale dunque del 19,2%,  tra tamponi molecolari (2022 tamponi con 562 positivi, ovvero il 27,7%) e antigenici rapidi (1627 test, 141 casi positivi e quindi un’incidenza pari all’8%). 

I positivi per provincia. Il maggior numero di casi è stato ravvisato in provincia di Ancona con 219 casi, a seguire Fermo con 144 nuovi positivi, 134 in provincia di Macerata, 107 in provincia di Pesaro Urbino, 66 in quella di Ascoli Piceno e 33 da fuori regione. 

Dove corre il contagio. Del totale dei 703 test effettuati 75 si riferiscono a persone con sintomi, mentre il contagio corre per 144 situazioni in ambito domestico e 194 per contatti stretti di casi positivi. 

Lo screening di massa e gli effetti del Natale. Prosegue anche lo screening di massa “Marche sicure” che nella giornata di mercoledì nei comuni della provincia di Fermo ha fatto registrare un’adesione di 2202 persone. Sono stati riscontrati 22 casi positivi al test antigenico rapido. Complessivamente nella Regione Marche da venerdì 18 dicembre hanno aderito 71803 persone con 441 casi positivi. In totale la percentuale di positività è pari allo 0,6% mentre la percentuale di adesione sulla popolazione target è del 22,7%. Da sabato 2 gennaio inoltre inizierà lo screening anche a San Benedetto del Tronto. Le postazioni, operative dalle 8.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 19.00, fino al 7 gennaio, giorni festivi compresi, saranno allestite al Palariviera e al Palasport “Speca”. Possono aderire tutte le persone di età superiore ai 6 anni, residenti o che soggiornano a San Benedetto del Tronto per motivi di lavoro o studio.

Linda Cittadini

Giornalista professionista dal 2009, lavora per E'tv Marche, il canale 12 del digitale terrestre occupandosi di tg e approfondimenti tra cui "Sibilla, le voci della ricostruzione", progetto editoriale dell'emittente che ogni mercoledì alle 21,30 racconta la nuova vita delle persone e dell'Appennino centrale, dopo il terremoto del 2016.

Leave a Response