Omicidio Cameyi, rinviato a giudizio l’ex fidanzato – VIDEO

MACERATA – Rinviato a giudizio Monir Kazi, il 30enne bengalese accusato dell’omicidio di Cameyi Mossamet la 15enne i cui resti sono stati ritrovati nel 2018 in un pozzo in un terreno a pochi metri dall’Hotel House, otto anni dopo la sua scomparsa avvenuta il 29 maggio del 2010.

Mercoledì si è svolta l’udienza preliminare al tribunale di Macerata durante la quale il pm ha chiesto il rinvio a giudizio nei confronti dell’uomo all’epoca dei fatti ex fidanzato della ragazza. Secondo l’accusa sarebbe stato lui a uccidere Cameyi dopo essere andato a prenderla ad Ancona e aver raggiunto con lei in treno Porto Recanati, dove viveva.

Il 30enne che ha fatto ritorno in Bangladesh, paese con cui l’Italia non ha accordi per l’estradizione non era presente in aula. Ad assisterlo il suo legale, nominato d’ufficio. C’erano invece i familiari della 15enne, la madre e i tre fratelli di Cameyi che si sono costituiti parte civile.

Il processo per ricostruire cosa sia accaduto quel 29 maggio del 2010 a Cameyi Mossamet e se Monir Kazi sia responsabile della sua morte è fissato in Corte d’assise al Tribunale di Macerata. La prima udienza sarà il 7 luglio 2021.

Leave a Response