Sisma, percepivano C.A.S e S.A.E. indebitamente, danni per quasi 3milioni di euro, segnalate 131 persone

CAMERINO – 131 persone segnalate per aver percepito indebitamente il Contributo di Autonoma Sistemazione (C.A.S.) destinato alla popolazione del centro Italia colpita dal sisma del 2016 o per abusi o irregolarità nell’utilizzo delle Soluzioni Abitative in Emergenza (S.A.E.).

E’ il risultato delle operazioni “Anubi II” e “Domus Vacue” messe in atto dalla Guardia di Finanza di Camerino su tutto il territorio della provincia maceratese.

Nello specifico le indagini svolte nell’arco dell’operazione “Anubi II”, per gli accertamenti sul C.A.S., hanno portato a segnalare all’autorità giudiziaria 89 persone che seppur formalmente residenti nei comuni del cratere sismico, in realtà vivevano stabilmente altrove, non rispettando quindi il requisito della dimora principale, abituale e continuativa in uno dei predetti comuni. Le fiamme gialle hanno riscontrato in totale 670.000,00 € di percezioni indebite, di cui circa 310.000,00 € già preventivamente sequestrati.

Parallelamente l’operazione “Domus Vacue” finalizzata all’individuazione di eventuali abusi o irregolarità nell’utilizzo delle S.A.E., ha consentito di deferire 42 soggetti alla competente Procura Regionale della Corte dei Conti e alle Autorità Locali e Regionale, per un totale di 2.000.000 di euro di percezioni indebite e danno erariale. Le indagini ancora in corso hanno riguardato sia le indebite assegnazioni delle S.A.E. ai soggetti richiedenti, in quanto carenti dei requisiti iniziali previsti, sia i casi di irregolare o mancato utilizzo dei moduli abitativi.

Leave a Response