Baristi e ristoratori: “Prenotazioni in calo anche prima del Dpcm” – VIDEO

ANCONA – Consentite dalle ore 5,00 sino alle ore 24,00 Le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) con consumo al tavolo ma con un massimo di sei persone sedute per postazione. Termina invece alle ore 18 la consumazione in piedi e al bancone. Resta sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio nonché, fino alle ore 24,00 la ristorazione con asporto,ma con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze ».

Questo è quanto stabilito nel nuovo dpcm firmato dal presidente del consiglio Giuseppe Conte per le attività di ristorazione. Una misura che fa già discutere e che preoccupa dopo una ripresa del settore nel trimestre estivo seppure non in linea con gli anni precedenti.

Ma il Dpcm va a incidere su un calo già iniziato con il riacutizzarsi dei contagi sul territorio regionale. Sempre più marchigiani stanno infatti scegliendo di rinunciare a pranzi e cene fuori o all’appuntamento dell’aperitivo, mentre cresce la richiesta dell’asporto.

Leave a Response