Coronavirus. La metà dei nuovi casi in provincia di Ancona. Aumentano i ricoveri – VIDEO

#coronavirus nelle Marche, positivi in calo ma con meno tamponi. Speranza dalla percentuale, scesa al 10%

ANCONA – Sono 115 i positivi al Coronavirus nelle Marche. Il servizio Sanità della Regione Marche ha comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati testati 2198 tamponi: 1191 nel percorso nuove diagnosi e 1007 nel percorso guariti.

Dei 115 positivi 28 sono in provincia di Ascoli Piceno, 50 in provincia di Ancona, 17 in provincia di Macerata, 17 in provincia di Fermo, 2 in provincia di Pesaro Urbino e 1 fuori regione.

Questi casi comprendono soggetti sintomatici (21 casi rilevati), contatti in setting domestico (34 casi rilevati), contatti stretti di casi positivi (18 casi rilevati), 1 rientro dall’estero (Romania), 4 casi riscontrati dallo screening realizzato nel percorso sanitario, contatti in setting lavorativo (7 casi rilevati), contatti in ambiente di vita/divertimento (12 casi rilevati), 1 contatto in setting assistenziale, contatti in setting scolastico/formativo (8 casi). Di 9 casi si stanno effettuando le indagini epidemiologiche.

Aumentano i ricoverati

Salgono nelle Marche i ricoverati: nelle ultime 24 ore, sono passati da 70 a 83 (+13) e raddoppiati nel giro di una settimana, Secondo il Servizio Sanità della Regione Marche i pazienti in terapia intensiva sono 10 (+1). Aumentano i positivi in isolamento domiciliare da 1.594 a 1.671 (+75). Sommando il numero di questi ultimi con quello dei ricoverati risulta che oggi ci sono nelle Marche 1.754 positivi.

I malati in terapia intensiva sono ricoverati agli Ospedali Riuniti di Ancona (4), a San Benedetto del Tronto (3) e a Marche Nord (3), dove si trova anche in paziente in semi intensiva. I degenti in reparti non intensivi si trovano invece 28 ad Ancona (tra cui un caso pediatrico), 13 a Marche Nord, tra cui una ricoverata in Ostetricia Ginecologia, e 31 a Fermo.

C’è una sola persona in più rispetto a ieri tra chi è in quarantena per contati con i contagiati: sono 5.711, di cui 662 con sintomi, 112 operatori sanitari. Sale anche il numero dei dimessi/guariti dall’inizio dell’emergenza: 6.387 (+25).

Storti (Asur): “futuro degli ospedale dipende da nostri comportamenti”

“Abbiamo perso la memoria di quello che abbiamo vissuto due mesi fa, fa male vedere gente ammassata, senza mascherine. Il futuro degli ospedali dipende da come ci comportiamo tutti. Siamo in una fase di crescita: siamo passati in tre giorni da 4,2% di positivi a 9,8%. In tre giorni i contagiati sono raddoppiati”, lo dice Nadia Storti, direttrice Asur Marche.

Leave a Response