Droga “formato famiglia”: la coltivazione di “erba” scoperta a Pieve Torina

La famiglia aveva avviato la produzione in una frazione montana di Pieve Torina.

PIEVETORINA – Una produzione di marijuana “formato famiglia” è quella che hanno scoperto i militari della Compagnia di Camerino, guidati dal capitano Roberto Cara. Moglie e marito, entrambi di 56 anni, insieme al figlio di ventisettenne e ad un amico di quest’ultimo di 26, tutti residenti a Roma, avevano avviato una florida coltivazione di “erba” in un terreno di loro proprietà a Pieve Torina, nel maceratese, in uno dei comuni tra i più colpiti dal sisma del 2016.

Una delle piante sequestrate

Durante i controlli i militari hanno scoperto, nella frazione montana, una vera e propria serra artigianale: diverse piante, alte oltre un metro e dal peso di oltre tre chili, sono state sequestrate. Trovati nella casa di campagna di loro proprietà anche 15 grammi di marjuana e hashish già pronti all’uso. Tutti e quattro sono stati deferiti in stato di libertà per coltivazione illecita di stupefacenti. 

Linda Cittadini

Giornalista professionista dal 2009, lavora per E'tv Marche, il canale 12 del digitale terrestre occupandosi di tg e approfondimenti tra cui "Sibilla, le voci della ricostruzione", progetto editoriale dell'emittente che ogni mercoledì alle 21,30 racconta la nuova vita delle persone e dell'Appennino centrale, dopo il terremoto del 2016.

Leave a Response