Incidente sul Gran Paradiso: speranze al lumicino per Daniele, alpinista di Camerino

L’incidente sabato scorso: tutta Camerino nel dolore per Daniele Catorci, 27 anni. Era con il compagno di cordata sul Gran Paradiso quando è caduto in un crepaccio.

CAMERINO – Sono ormai al lumicino le speranze di trovare ancora in vita il 27enne di Camerino Daniele Catorci, dottorando dell’Università di Trento, originario di Camerino, caduto in un crepaccio sul Gran Paradiso sabato scorso.

Il padre del ragazzo, Andrea Catorci, docente all’ateneo camerte come pure la moglie Paola Scocco, è in Valle d’Aosta per seguire le operazioni. Il giovane alpinista si trovava con il compagno di cordata, Saša Polimanti, 28 di Monte San Giusto, nella parete nord del Gran Paradiso, e stava attraversando un crepaccio quando il blocco nevoso, sotto ai suoi piedi, ha ceduto. Il ragazzo ha fatto un volo di 30 metri: il compagno ha disperatamente tentato di trattenere la corda ma senza riuscire. Le operazioni di ricerca e recupero di Daniele sono iniziate all’alba di domenica e ad ogni ora che passa l’apprensione si trasforma nel dolore della consapevolezza.

Il cordoglio di Unicam. In un messaggio Fb l’Università di Camerino si stringe accanto ai familiari del ragazzo: “Il Rettore Claudio Pettinari e l’intera comunità universitaria si stringono in silenzio intorno ai proff.ri Paola Scocco e Andrea Catorci per l’improvvisa tragedia che li ha colpiti, esprimendo affetto e vicinanza”.

Linda Cittadini

Giornalista professionista dal 2009, lavora per E'tv Marche, il canale 12 del digitale terrestre occupandosi di tg e approfondimenti tra cui "Sibilla, le voci della ricostruzione", progetto editoriale dell'emittente che ogni mercoledì alle 21,30 racconta la nuova vita delle persone e dell'Appennino centrale, dopo il terremoto del 2016.

Leave a Response