Festa in Rsa: “Siamo Covid free”

Da oggi la RSA Residenza Dorica-Santo Stefano Riabilitazione di Ancona è Covid free. Incontri in giardino e con i dispositivi di sicurezza in giardino per i familiari.

ANCONA – Da oggi la RSA Residenza Dorica-Santo Stefano Riabilitazione di Ancona è Covid free. La struttura fa sapere che oggi è arrivato il secondo tampone, anch’esso risultato negativo, della donna pesarese di 92 anni, praticamente asintomatica , che però era ancora positiva al Covid19.”Siamo così contenti – dice la Direzione dell’Rsa, che fa parte della rete nazionale delle oltre 50 strutture “Anni Azzurri” – perché i mesi scorsi sono stati davvero intensi. Abbiamo affrontato qualcosa di nuovo e sconosciuto, cercando ogni giorno di falro nel modo migliore possibile”. E per l’occasione, operatori e ospiti della RSA hanno festeggiato la bella notizia nel giardino della struttura. “Mai come ora, tuttavia – conclude la direzione – occorre non abbassare la guardia e continuare ad adottare le massime accortezze e misure di contenimento e prevenzione.Di certo, dalla situazione difficile vissuta nei mesi scorsi ne esce un team di tutti noi addetti ai lavori e operatori rafforzato e ancora più granitico rispetto a prima”.

Visite consentite ma con precisi protocolli. Per figli, nipoti, congiunti, da qualche giorno è arrivata un’altra bella notizia.Dopo aver recepito le indicazioni ministeriali e le direttive regionali, l’Rsa anconetana ha riaperto alle visite dei familiari degli ospiti della struttura, “il percorso di apertura sarà necessariamente progressivo e molto ponderato, per continuare a garantire la massima sicurezza e controllo in questa delicata “fase tre”, nel contrasto e contenimento del Sars Cov 2. Tuttavia siamo molto contenti di poter riavere con noi i cari dei nostri ospiti. Tutte le nostre strutture marchigiane – fanno sapere dalla sede di Anni Azzurri – hanno iniziato ad accogliere nuovamente pazienti e parenti, in condizioni di massima sicurezza, nella più rigorosa ottemperanza di tutte le procedure e le indicazioni ministeriali e regionali con percorsi protetti e condivisi con i Distretti Sanitari e i Dipartimenti di Prevenzione con cui si opera in stretto raccordo”.L’accesso ai familiari è consentito in giardino che viste le dimensioni consente l’incontro a distanza di sicurezza. Gli incontri, che avverranno con dispositivi di protezione individuale sia per gli ospiti che per i familiari, saranno organizzati su appuntamenti, contingentati nel tempo e nello spazio e sotto la sorveglianza e il supporto di un operatore. Per situazioni particolari videochiamate già attive e percorsi personalizzati, per situazioni straordinarie, di massima sicurezza.

Linda Cittadini

Giornalista professionista dal 2009, lavora per E'tv Marche, il canale 12 del digitale terrestre occupandosi di tg e approfondimenti tra cui "Sibilla, le voci della ricostruzione", progetto editoriale dell'emittente che ogni mercoledì alle 21,30 racconta la nuova vita delle persone e dell'Appennino centrale, dopo il terremoto del 2016.

Leave a Response