Spiaggia libera che vai, usanza che trovi: app, prenotazioni, semafori, steward – VIDEO

ANCONA – App per prenotarsi il posto, semafori digitali per verificare disponibilità di posti, steward e vigili urbani. Spiaggia libera che vai, usanza che trovi. Da Pesaro a San Benedetto modi diversi di fruire del mare e della costa marchigiana, in quei tratti senza concessione balneare.

Ogni sindaco ha predisposto misure ad hoc, nessuna trascende dalla parola sicurezza, ineludibile in tempi di Covid.


A Pesaro e Fano si potrà andare in spiaggia libera senza obbligo di prenotazione. Il sindaco Ricci ha messo a bando la disponibilità di furgoncini per street food, ma che avranno anche il compito di controllare il distanziamento e di fornire docce e bagni chimici. Il collega Seri ha invece stretto la collaborazione con la Protezione Civile che si occuperà di vigilare.

A Senigallia spiagge libere accessibili dalle 6 alle 24. Gli ombrelloni dovranno essere posizionati a una distanza di almeno cinque metri, lettini e teli da mare ad almeno due metri. Ad Ancona niente prenotazioni per le spiagge di Palombina, Collemarino, Torrette e Passetto ma posti contingentati e sorveglianza con gli steward. A Portonovo e Mezzavalle, e solo per i fine settimana, ci si dovrà prenotare tramite la app Ibeach.

A Sirolo le spiagge libere saranno aperte con la sorveglianza da parte dell’Associazione nazionale carabinieri e dei vigili urbani. Servirà la prenotazione via app, ma non si potrà scegliere il posto. Le diverse porzioni di spiaggia libera tra Numana e Marcelli saranno sorvegliate dalla polizia locale e da vigilantes assunti appositamente, mentre sul portale turismonumana.it si potrà verificare la disponibilità di posti con le segnalazioni verdi, gialle e rosse in stile semaforico.

Da Civitanova a Porto San Giorgio nessuna prenotazione, ma alcuni comuni hanno trovato la collaborazione degli stabilimenti balneari per un migliore e più capillare controllo di alcuni tratti. Infine San Benedetto: anche qui app per la prenotazione.

Leave a Response