Caso Diciotti, il commissario Legnini: “Mi sento ferito”. Colpito dai messaggi di affetto dei sindaci del cratere sismico

Stamattina Legnini ha avuto un incontro con tutte le parti sociali della regione marche, imprese e sindacati e ha ribadito “Sono assolutamente sereno in merito alla correttezza dei miei comportamenti e ho la ferma intenzione di continuare a esercitare le funzioni che mi sono state assegnate con tutta la determinazione e l’energia di cui dispongo”.

ANCONA – “Mi sento ferito perché ho sempre assolto alle mie funzioni istituzionali con assoluta lealtà e onore. Ma intendo reagire. E soprattutto mi hanno commosso i messaggi di cittadini e sindaci del cratere del centro Italia”, così in un passaggio dell’intervista rilasciata a “Huffington Post” ha risposto Giovanni Legnini, commissario al sisma 2016 in merito alla vicenda della nave Diciotti che coinvolge il Csm, di cui Legnini era vicepresidente. Stamattina Legnini ha avuto un incontro con tutte le parti sociali della regione marche, imprese e sindacati e ha ribadito “Sono assolutamente sereno in merito alla correttezza dei miei comportamenti e ho la ferma intenzione di continuare a esercitare le funzioni che mi sono state assegnate con tutta la determinazione e l’energia di cui dispongo”.

La bufera sul Consiglio Superiore della Magistratura e il caso della Nave Diciotti e Salvini. Uno scambio di chat, pubblicate dal giornale “La Verità”, con il pm romano Luca Palamara , due anni fa, sulla vicenda della Nave Diciotti scatena la bufera su Legnini. La Lega,con il sostegno dei Fratelli d’Italia, lo accusa di aver aizzato i pm contro l’allora ministro dell’Interno Matteo Salvini e chiede che lasci il nuovo incarico. Ma soprattutto invoca l’intervento del capo dello Stato. Secondo Matteo Salvini c’è in gioco “la credibilità dell’intera magistratura”. Legnini parla di una polemica alimentata da “messaggi decontestualizzati e perciò parziali e fuorvianti” e sottolinea che quelle chat “non hanno nulla a che vedere con la vicenda Palamara”. Il caso ha spinto il ministro della Giustizia e la sua maggioranza ad accelerare sulla riforma del Csm.

L’intervento di Legnini in Commissione Bilancio alla Camera. Il Commissario alla Ricostruzione dei territori colpiti dal sisma 2016, Giovanni Legnini, è stato ascoltato oggi dalla Commissione Bilancio della Camera, impegnata della discussione del decreto sul rilancio dell’economia. Cinque gli argomenti toccati dal Commissario in merito alla ricostruzione del Centro Italia dopo gli eventi sismici: il rafforzamento del Sisma e dell’Eco-bonus, nuove assunzioni e stabilizzazione del personale impegnato nei Comuni e negli Uffici Speciali, le misure di sostegno allo sviluppo dell’economia del cratere, la velocizzazione della ricostruzione privata, la semplificazione della ricostruzione pubblica. Legnini, in particolare, ha suggerito un rafforzamento degli incentivi fiscali per la messa in sicurezza sismica e la riqualificazione energetica degli edifici nella zona del cratere. L’eventuale estensione alle seconde case ed un aumento dei tetti della spesa detraibile, ha detto il Commissario, li renderebbero, anche in alternativa al contributo pubblico per la riparazione delle abitazioni, degli strumenti formidabili per accelerare la ricostruzione privata nel Centro Italia. Il Commissario ha inoltre sottolineato l’esigenza manifestata da tutti i comuni di stabilizzare il personale occupato nella ricostruzione, con ulteriori proroghe dei contratti e nuove assunzioni . Ha inoltre sottolineato alcune difficoltà delle imprese del cratere, già ferme o con attività ridotte, di dimostrare la flessione del fatturato necessaria per beneficiare degli aiuti previsti per fronteggiare l’emergenza Covid-19.

Linda Cittadini

Giornalista professionista dal 2009, lavora per E'tv Marche, il canale 12 del digitale terrestre occupandosi di tg e approfondimenti tra cui "Sibilla, le voci della ricostruzione", progetto editoriale dell'emittente che ogni mercoledì alle 21,30 racconta la nuova vita delle persone e dell'Appennino centrale, dopo il terremoto del 2016.

Leave a Response