Accarezzare l’arte, riapre il Museo Omero – VIDEO

ANCONA – La carezza come sublimazione del tocco, un gesto attraverso il quale passa la conoscenza. Mani che toccano opere d’arte, mani che fungono da occhi per chi non può vedere e per chi vuole scoprire con un altro dei propri cinque sensi. Mani rigorosamente coperte da guanti in lattice monouso e igienizzati con apposito gel. Lo impongono le nuove misure di sicurezza anti Covid a cui non può sottrarsi il Museo Statale Tattile Omero di Ancona che riaprirà le proprie quattro sale il prossimo 29 maggio, esponendo 150 tra sculture, architetture e plastici.

Il Museo Omero è unico nel suo genere in tutto il mondo, dopo 27 anni di attività è in speranzosa attesa che il Parlamento rinnovi dal prossimo 1 gennaio e per altri tre anni i suoi fondi a sostegno. Ha una media di 35 mila visitatori, un terzo dei quali sono alunni delle scuole. È lecito domandarsi che ripartenza sarà anche per quest’arte da accarezzare.

Leave a Response