Covid 19 e inquinamento, la qualità dell’aria incide sullo sviluppo delle pandemie – VIDEO

ANCONA – Inquinamento e Coronavirus sono collegati? Stando allo studio pubblicato nella rivista Environmental Pollution a firma del professor Francesco Regoli e del dottor Daniele Fattorini, del gruppo di ricerca del dipartimento di scienze della vita e dell’ambiente all’Università politecnica delle Marche emergono nuove evidenze sul possibile ruolo dell’inquinamento atmosferico nella diffusione del Covid-19 in Italia.

L’elaborazione dei dati forniti dal Dipartimento di Protezione Civile sul numero di contagiati e decessi in 71 province italiane ha dimostrato una correlazione significativa con i valori di qualità dell’aria ma l’aspetto importante è che tali valori si riferiscono agli ultimi 10 anni.

Ma questo vuol dire che il virus viene trasportato dagli inquinanti atmosferici? La risposta è no e comunque il contagio interumano avrà sempre un ruolo superiore sulla trasmissibilità del virus rispetto al trasporto tramite una particella di contaminante atmosferico. Ma l’esposizione prolungata nel tempo agli agenti inquinanti può favorire la diffusione del virus in una popolazione con più alta incidenza di affezioni respiratorie e cardiache.

Leave a Response