Post sisma, Coronavirus e neve nel centro Italia: i cantieri fermi e la rincorsa alle emergenze – VIDEO

Neve, post sisma e Coronavirus nel centro Italia: tra in tre la coltre bianca è quella ovviamente meglio accolta e tollerato, seppur arrivi fuori tempo massimo, in primavera ma sempre utile per l’approvvigionamento dell’acqua.

ANCONA – Neve, post sisma e Coronavirus nel centro Italia: tra in tre la coltre bianca è quella ovviamente meglio accolta e tollerato, seppur arrivi fuori tempo massimo, in primavera ma sempre utile per l’approvvigionamento dell’acqua. L’ultimo Dpcm per il contenimento del Covid-19 ha chiuso bar, ristoranti e le attività ritenute non essenziali in tutta italia e ha portato anche alla sospensione di tutti i cantieri, compresi quelli della ricostruzione, o meglio di quei pochi partiti. Il Decreto supera di fatto la direttiva con la quale il neo commissario alla ricostruzione, Giovanni Legnini, qualche giorno fa illustrava le misure di carattere generale entro le quali le imprese impegnate sul cratere del Centro Italia potevano o meno continuare a lavorare.

Un’anticipazione della puntata di stasera alle 21,20

Coronavirus, neve e post terremoto. A Visso, nel cuore dell’Alto Nera, c’è stato il primo e si spera l’ultimo caso di Coronavirus, in un contesto già emergenziale, come racconta a  “Sibilla, le voci della ricostruzione” (in onda come tutti i mercoledì alle 21,20 sul canale 12 di E’tv Marche) il sindaco Gian Luigi Maurizi Spiganti

Cosa farà Legnini. La prossima mossa del commissario Legnini dovrebbe essere  la direttiva, in attesa di arrivare a un’intesa. Secondo fonti vicine al commissario, si sta valutando un sistema per pagare i lavori fatti dalle imprese che sospendono i cantieri, a prescindere dallo stato di avanzamento dei lavori. Oggi il pagamento avviene a scaglioni al 20, 40, 70 e 100% del lavoro. Si dovrebbe procedere pagando quanto fatto fino a questo momento, a prescindere dalle quote, per dare liquidità e consentire di pagare dipendenti e fornitori. 

Sibilla, le voci della ricostruzione sempre in onda. Anche se a distanza il programma di E’tv Marche continua ad andare in onda sul canale 12 e sul 14 dell’Umbria, come succede da tre anni, tutti i mercoledì sera, alle 21,20. Oltre al sindaco di Visso Spiganti, ci collegheremo con Roberta Grifantini, farmacista di Camerino, impegnata a portare farmaci e beni di necessità a casa degli anziani e dei residenti delle Soluzioni Abitative di Emergenza. Poi approfondiremo il tema del blocco dei cantieri con Carlo Resparambia, presidente di Ance Macerata e vicepresidente della Confindustria Maceratese e Vittorio Lanciani, presidente dell’Ordine degli architetti della provincia di Macerata. Chiuderemo con un’intervista a Sergio Sottani, procuratore generale presso la Corte di Appello di Ancona, perché se tutto si ferma la criminalità organizzata non conosce stop e potrebbe essere particolarmente attiva nel “post Coronavirus” quando il sistema economico potrebbe trovarsi in sofferenza. Condizione di doppia valenza, proprio nei territori colpiti dal terremoto di ormai quattro anni.

Linda Cittadini

Giornalista professionista dal 2009, lavora per E'tv Marche, il canale 12 del digitale terrestre occupandosi di tg e approfondimenti tra cui "Sibilla, le voci della ricostruzione", progetto editoriale dell'emittente che ogni mercoledì alle 21,30 racconta la nuova vita delle persone e dell'Appennino centrale, dopo il terremoto del 2016.

Leave a Response