Il responsabile del pronto soccorso di Pesaro:”Una situazione vista solo nei film”- VIDEO

PESARO – “Sto vivendo una situazione che ho visto nei film o che mi sono solo immaginato. Non avrei mai pensato di viverla in prima persona”, così Umberto Gnudi, responsabile del pronto soccorso dell’ospedale San Salvatore di Pesaro.

Dietro le porte scorrevoli si apre il vero campo di battaglia: se fosse stato un terremoto questo sarebbe l’epicentro per le Marche. Dal 26 febbraio, il giorno del paziente uno, ci sono stati 400 ricoveri. La terapia intensiva è passata da 11 a 40 posti. La provincia di  Pesaro continua a registrare il maggior numero dei contagi, ovvero più di 1370. E anche le vittime: solo lunedì 16 decessi. 
Pesaro silenziosa resta in apnea, mentre sventola al vento freddo di una beffarda primavera un pezzo di stoffa con l’arcobaleno colorato dalla mano di un bimbo, sulla ringhiera dell’ospedale. 

Linda Cittadini

Giornalista professionista dal 2009, lavora per E'tv Marche, il canale 12 del digitale terrestre occupandosi di tg e approfondimenti tra cui "Sibilla, le voci della ricostruzione", progetto editoriale dell'emittente che ogni mercoledì alle 21,30 racconta la nuova vita delle persone e dell'Appennino centrale, dopo il terremoto del 2016.

Leave a Response