Coronavirus: a rischio i cantieri del post sisma del Centro Italia. Falcucci: “Da quattro anni il vostro virus è Covid-16” – VIDEO

Rischia di congelare anche l’altra emergenza che langue da ormai quattro anni il Coronavirus: si valuta lo stop ai primi cantieri della  ricostruzione nel centro Italia.

ANCONA – Rischia di congelare anche l’altra emergenza che langue da ormai quattro anni il Coronavirus: si valuta lo stop ai primi cantieri della  ricostruzione nel centro Italia. “Sono in costante contatto con il Governo e i Presidenti delle quattro Regioni per valutare i problemi riguardanti l’ipotizzata sospensione dei cantieri della ricostruzione e quella, conseguente, relativa ai termini degli adempimenti gravanti sulle imprese, i professionisti e i cittadini danneggiati dal sisma,  fa sapere il commissario straordinario Giovanni Legnini.

C’è la proroga della rimodulazione del Cas. L’altro stop, o meglio la proroga attesa e richiesta da diversi sindaci del cratere e dalla Regione Marche, riguarda invece rimodulazione del Cas, il contributo di autonoma sistemazione, il cui termine sarebbe il 18 marzo, che attualmente viene percepito da più di 24 mila persone persone. In tal senso la Regione Marche fa sapere che ci sarà una nuova ordinanza di Angelo Borrelli per spostare di due mesi la nuova rimodulazione del Cas. La nuova emergenza si somma a quella non risolta: il Covid-19 e il “Covid-16”, il virus della burocrazia e dell’attesa, come ribatezza il post sisma il sindaco di Castelsantangelo sul Nera Mauro Falcucci nel suo intervento durante la rubrica “Sibilla, le voci della ricostruzione”, in onda tutti i mercoledì alle 21,20 da tre anni sul canale 12 di E’tv Marche.

Linda Cittadini

Giornalista professionista dal 2009, lavora per E'tv Marche, il canale 12 del digitale terrestre occupandosi di tg e approfondimenti tra cui "Sibilla, le voci della ricostruzione", progetto editoriale dell'emittente che ogni mercoledì alle 21,30 racconta la nuova vita delle persone e dell'Appennino centrale, dopo il terremoto del 2016.

Leave a Response