Coronavirus, AnconAmbiente chiude al pubblico, l’Ad Rubegni: “Garantiti i servizi essenziali”

ANCONA – L’Emergenza Coronavirus con le relative restrizioni previste dal Governo nazionale modifica tutta una serie di servizi di AnconAmbiente S.p.A
Alleghiamo di seguito le indicazioni trasmesse dall’Azienda:

Chiusura Centri di Raccolta / CentroAmbiente per i cittadini

In riferimento alle ordinanze del Ministero della Salute e del Presidente della Regione Marche, per contrastare e contenere la diffusione del virus, non essendo considerata questa attività essenziale rimarranno chiusi tutti Centri di Raccolta, ovvero i CentrAmbiente di Ancona sia quello di via del Commercio n. 27, e via Sanzio Blasi s.n. – Posatora fino al 3 aprile 2020. Sono inoltre chiusi tutti i Centri di Raccolta – CentrAmbiente dei comuni gestiti dall’azienda nelle città di Fabriano e Sassoferrato ad eccezion fatta per Serra De’ Conti che per la sua particolare modalità di gestione della raccolta rimarrà aperto grazie alla preziosa collaborazione della Protezione Civile.
Per informazioni, segnalazioni e richieste di servizio di ritiro ingombrati, sfalci e potature i cittadini sono invitati a consultare il sito www.anconambiente.it scrivere all’indirizzo mail contactcenter@anconambiente.it oppure scaricare o consultare per chi lo avesse già fatto la nostra app Junker.

Chiusura degli uffici al pubblico

Sempre in ottemperanza alle disposizioni legate all’emergenza Coronavirus, sono chiusi tutti gli uffici aperti al pubblico della società fino al 03 aprile 2020. Per tutti coloro che necessitano di sacchetti e opportuno recarsi quando si fa spesa nei supermercati convenzionati.

“Sono norme stringenti, ma più che necessarie e legate alle direttive ministeriali e regionali – ha dichiarato Roberto Rubegni Amministratore Delegato di AnconAmbiente S.p.A. – tutti gli altri servizi, ovvero raccolta dei rifiuti e spazzamento e decoro urbano, saranno svolti regolarmente anche se, potrebbero subire alcune variazioni dovute alla necessità di rispettare le direttive legate all’assembramento degli addetti all’interno dell’azienda e dei mezzi e, quindi, alla sicurezza e salute di tutti i nostri dipendenti. Alcune variazioni ricadranno anche nel servizio di pulizia delle caditoie rispetto a quanto programmato anche queste figlie del rispetto delle normative ad oggi in vigore. All’atto pratico l’azienda riuscirà a garantire tutti i servizi essenziali, ma è ovvio che tutto quanto sopra espresso potrà cambiare in base alle decisioni che ci saranno comunicate da Governo e Regione atte al contenimento della diffusione di questo terribile virus”.

Leave a Response