Coronavirus, Ricci: “Ragazzi mi fido di voi, ma stop ai raggruppamenti” – VIDEO

PESARO – Primo lunedì da zona 1 nella provincia di Pesaro-Urbino, dopo l’emanazione dell’ultimo Dpcm che prevede misure più stringente per il contenimento del covid 19 in tutta la Regione Lombardia e in 14 province italiane tra cui anche quella più a nord delle Marche.

Tra le direttive la chiusura di ristoranti, pub e locali dalle 18, fermo restando la possibilità della consegna da asporto, ma l’obbligo di guanti e mascherine per gli operatori che effettuano la consegna. Prescrizione quest’ultima estesa ancheb a barbieri e parrucchieri. Mentre i centri commerciali sopra i 250 metri resteranno chiusi il sabato e la domenica, escludendo la parte alimentare e delle parafarmacie.

Sulle tracce del Dpcm il Comitato Provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica di Pesaro e Urbino ha varato un modello di controllo del territorio, con specifico riguardo alle limitazioni alla mobilità in entrata, in uscita ed all’interno dall’area interessata, attraverso il coinvolgimento delle Forze di Polizia ed il supporto delle Polizie municipali. E’ blindato dunque il confine tra la provincia di Ancona e quella di Pesaro e Urbino, ma all’altezza del fiume Cesano il traffico resta comunque intenso, vista la possibilità data dal decreto di potersi muovere per spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o per motivi di salute. Bisognerà però munirsi di una dichiarazione del datore di lavoro o di un autocertificazione o di un certificato medico da esibire in caso di controllo.

Leave a Response