Coronavirus nelle Marche, il contagio avanza: la riorganizzazione della sanità e il caso Camerino – VIDEO

coronavirus camerino ospedale emergenza per malati

Oltre 320 casi positivi, 47 persone in terapia intensiva, 136 ricoverati, 130 in isolamento domiciliare. Dodici decessi. E’ l’ultimo bollettino nelle Marche di una guerra senza armi che si combatte nelle corsie degli ospedali, dove si lavora senza sosta notte e giorno. Lo scenario cambia di ora in ora e la Regione Marche cerca di rispondere rimodulando lo scenario, sul fronte della tincea sanitaria.

Il punto

ANCONA – Oltre 320 casi positivi, 47 persone in terapia intensiva, 136 ricoverati, 130 in isolamento domiciliare. Dodici decessi. E’ l’ultimo bollettino nelle Marche di una guerra senza armi che si combatte nelle corsie degli ospedali, dove si lavora senza sosta notte e giorno. Lo scenario cambia di ora in ora e la Regione Marche cerca di rispondere rimodulando lo scenario, sul fronte della tincea sanitaria. Il nuovo piano regionale per la gestione dell’emergenza, firmato stamattina, prevede oltre 400 posti letto tra terapie intensive, semi intensive, degenze specialistiche e post critici”. Per i contagiati sono stati ampliati e dedicati i reparti presso strutture negli ospedali di Camerino, Fermo, San Benedetto, Ascoli Piceno, Fossombrone, Chiaravalle, Aou Ospedali Riuniti di Ancona, Inrca e Marche Nord“.

La conferenza stampa che si svolta nel pomeriggio di oggi (lunedì 9 marzo) a Camerino

Camerino, il post sisma e la nuova emergenza. Rovente la situazione in particolare a Camerino, sfociata in una riunione di fuoco domenica pomeriggio anche con gli altri sindaci della montagna ferita dal terremoto. Dove il Coronavirus non è arrivato ancora, ma lo scenario lì è ancora post bellico per l’altra emergenza. Nel pomeriggio di oggi (lunedì) il comune nella compattezza di maggioranza e opposizione chiede garanzie alla Regione riguardo la certezza sul ripristino dei reparti smantellati, tra cui l’urgenza, una volta terminata l’emergenza sanitaria Covid-19. “Se basta l’ospedale di Camerino a contenere i contagiati accendo un cero alla Madonna”, risponde il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli.

Linda Cittadini

Giornalista professionista dal 2009, lavora per E'tv Marche, il canale 12 del digitale terrestre occupandosi di tg e approfondimenti tra cui "Sibilla, le voci della ricostruzione", progetto editoriale dell'emittente che ogni mercoledì alle 21,30 racconta la nuova vita delle persone e dell'Appennino centrale, dopo il terremoto del 2016.

Leave a Response