Coronavirus, un caso nel Pesarese: domani la conferma con il secondo controllo. I dubbi dei comuni. La Cei sospende le messe – VIDEO

E’ stato diffuso da pochi minuti il risultato positivo di un campione analizzato nel pomeriggio di oggi, 25 febbraio. Il campione, proveniente dalla provincia di Pesaro, sarà inviato nelle prime ore della mattinata di domani al Centro diagnostico di riferimento nazionale dell’Istituto superiore di sanità. Solo al seguito di questo secondo controllo si potrà effettivamente confermare il caso di Nuovo Coronavirus.

ANCONA – E’ stato diffuso da pochi minuti il risultato positivo di un campione analizzato nel pomeriggio di oggi, 25 febbraio. Il campione, proveniente dalla provincia di Pesaro, sarà inviato nelle prime ore della mattinata di domani al Centro diagnostico di riferimento nazionale dell’Istituto superiore di sanità. Solo al seguito di questo secondo controllo si potrà effettivamente confermare il caso di Nuovo Coronavirus. Nel frattempo il paziente è stato isolato presso il proprio domicilio e si trova in buone condizioni di salute, fa sapere una comunicazione della Regione Marche.

Il videomessaggio su Fb del sindaco Matteo Ricci

Il sindaco di Pesaro: “Situazione sconcertante”. Domani le scuole sono chiuse in tutte le Marche.L’ordinanza della Regione è stata impugnata dal Governo, ma non ha effetto di revoca immediata. Quindi è in vigore ancora l’ordinanza regionale e le scuole domani sono chiuse.Il sindaco Matteo Ricci: “Non mi esprimo nel merito di questa vicenda sconcertante, lo farò domani.Intanto chiedo solo scusa ai cittadini per la confusione che è stata fatta su una vicenda così delicata da parte delle autorità competenti, in un momento dove serve calma, collaborazione, e obiettivi comuni.C’è troppo panico ingiustificato in giro”.

Il Comune di Fano attiva il Coc ma restano dubbi su alcuni passaggi. A seguito dell’ordinanza diramata dalla Regione Marche il sindaco Massimo Seri ha subito attivato il Coc (Centro Operativo Comunale) per dare celere attuazione al provvedimento, fa sapere il comune che però precisa “fermo restando che domani sarà contattata la Regione per ulteriori chiarimenti in quanto il provvedimento si presta in certi passaggi a non univoche interpretazioni, il Coc ha ritenuto che, come disposto dall’ordinanza, tutte le attività scolastiche di ogni ordine e grado sono sospese fino al 4 marzo compreso.Saranno chiusi al pubblico fino alla data indicata anche la biblioteca Federiciana, la Mediateca Montanari, i musei e teatri (incluso il Teatro della Fortuna). Il personale docente, il personale Ata e il personale ausiliario dovrà comunque recarsi nei rispettivi edifici scolastici di competenza per attività complementari diverse da quelle dell’insegnamento.Sono sospese le attività rientranti nel Pubblico Spettacolo nonché tutti gli eventi che si svolgono su suolo pubblico o aperti al pubblico soggetti all’obbligo di avviso e/o autorizzazione preventiva da parte della questura. Non rientrano in questa categoria e potranno quindi continuare a svolgere regolarmente la propria attività i bar, ristoranti ed esercizi commerciali in genere, ivi compresi le fiere e i mercati.Restano inoltre regolarmente aperti i centri diurni per disabili e i centri di aggregazione giovanile così come i centri sportivi e le palestre purché in queste strutture non siano previste gare e/o manifestazioni che prevedono la presenza di pubblico.

Il Comune di Ancona: “No alle manifestazioni sportive pubbliche, ma le altre attività non sono vietate”. Per quanto riguarda le strutture sportive l’ordinanza regionale prevede la sospensione delle manifestazioni pubbliche senza vietare attività diverse. Ad oggi le strutture restano quindi aperte per attività sportive diverse dalle manifestazioni pubbliche, alle quali ognuno decide autonomamente se partecipare o meno.

La Cei sospende le messe. I Vescovi delle Marche facendo seguito all’ordinanza n.1 del 25 febbraio 2020 del Presidente della Regione Marche, adottano le seguenti disposizioni per le chiese che sono nelle Marche:   1. Ci si attenga sempre a criteri di prudenza, evitando in ogni modo concentrazione di persone in volumi ristretti e per lungo tempo. Le chiese rimangano aperte al culto e alla preghiera individuale. 2. Sono sospese le celebrazioni eucaristiche feriali e festive fino al 4 marzo 2020. 3. Per i funerali, si suggerisce di limitarsi al rito delle esequie nella forma breve e con i parenti stretti. 4. Nelle S. Messe anche private si ometta il segno di pace e si riceva la S. Comunione sulla mano, e non in bocca. 5. Si tolga l’acqua benedetta dalle acquasantiere. 6. Le benedizioni Pasquali sono sospese fino al 4 Marzo 2020. 7. Per questa settimana sono sospesi gli incontri di catechismo e dei gruppi parrocchiali, le attività di oratorio, di dopo-scuola, sportive, teatrali, cinematografiche e ogni genere di aggregazione. 8. I servizi della Caritas diocesana e delle Caritas parrocchiali che prevedono contatto con il pubblico siano sospesi.

Leggi anche http://www.etvmarche.it/2020/02/25/coronavirus-da-domani-e-per-tutto-il-4-marzo-scuole-chiuse-e-sospese-manifestazioni-pubbliche-e-sportive-nelle-marche-video/

Linda Cittadini

Giornalista professionista dal 2009, lavora per E'tv Marche, il canale 12 del digitale terrestre occupandosi di tg e approfondimenti tra cui "Sibilla, le voci della ricostruzione", progetto editoriale dell'emittente che ogni mercoledì alle 21,30 racconta la nuova vita delle persone e dell'Appennino centrale, dopo il terremoto del 2016.

Leave a Response