Post sisma, Legnini incontra Ceriscioli e i sindaci delle Anci terremotate – VIDEO

In attesa della registrazione della nomina, ad Ancona Giovanni Legnini ha incontrato all’Anci Marche i rappresentanti del coordinamento nazionale delle Anci terremotate guidato da Maurizio Mangialardi  e i sindaci nella cabina di regia. Incontro anche in Regione con il presidente Luca Ceriscioli.

ANCONA – Sta per insediarsi in quello che sarà il suo nuovo ufficio a Rieti, appena lasciato da Farabollini, Giovanni Legnini, consigliere regionale abruzzese e con alle spalle anche la vicepresidenza del Consiglio Superiore della Magistratura, designato commissario al sisma 2016 lo scorso 14 febbraio. In attesa della registrazione della nomina, ad Ancona ha incontrato all’Anci Marche, alla sede di Colle Ameno, i rappresentanti del coordinamento nazionale delle Anci terremotate guidato da Maurizio Mangialardi  e i sindaci nella cabina di regia. Incontro anche in Regione con il presidente Luca Ceriscioli, il responsabile dell’Ufficio Speciale Ricostruzione Cesare Spuri e della protezione civile regionale David Piccinini

L’incontro con i rappresentanti dei sindaci. “Siamo a un punto di svolta e abbiamo piena fiducia che le competenze del commissario Legnini possano consentire di avere l’accelerazione necessaria per far partire la ricostruzione pubblica e privata”.Ecco come Maurizio Mangialardi, Presidente di Anci Marche e coordinatore nazionale dei Presidenti delle Anci Nazionali ha introdotto l’incontro tra il commissario alla ricostruzione On. Giovanni Legnini e i rappresentanti del coordinamento nazionale delle Anci terremotate. Presenti Gianguido D’Alberto, Presidente Anci Abruzzo, Silvio Ranieri, Direttore di Anci Umbria, Aleandro Petrucci Arquata del Tronto, Antonio Fontanella, Sindaco di Amatrice, oltre a Antonio Ragonesi Responsabile Area Protezione Civile di Anci Nazionale e Laura Albani Responsabile del Dipartimento. “Attendiamo che il Commissario designato lo scorso 14 febbraio, sia nel pieno delle funzioni dopo la registrazione della nomina che avverrà entro il prossimo martedì” – ha detto Mangialardi. Al termine Mangialardi a nome anche dei colleghi presenti, ha detto: “L’incontro è stato molto positivo ed abbiamo la percezione di poter interloquire con un Commissario che non solo ha già presente le problematiche esistenti ma, in virtù del suo vissuto di amministratore e di parlamentare, conosce le dinamiche innescate. Inoltre ci è chiaro che l’On. Legnini riconosca nell’Anci e nei sindaci il riferimento per intercettare le istanze che servono per sbloccare una situazione di stallo che non è più accettabile” – ha detto. “Il prossimo passo – ha concluso Mangialardi – sarà rivedersi in un’assemblea a Roma da qui a un paio di settimane nella quale definire le priorità e dare concretezza al percorso”. La nomina – è stato ricordato – arriva in un momento in cui la tensione istituzionale era altissima e restituisce la convinzione che si possa davvero cambiare passo. Nel corso dell’incontro è stato ribadito che “la ricostruzione pubblica non può essere affrontata con le norme vigenti. In un comune del cratere ci sono 6 passaggi burocratici più (22 contro 16) rispetto a quelli necessari per appaltare un’opera in un comune fuori dal cratere. Si tratte della più grande opera pubblica d’Europa il cui avviamento non solo renderebbe giustizia ai cittadini di 130 comuni di 4 regioni ma che inciderebbe anche sul Pil del paese” – ha aggiunto Mangialardi.

L’incontro in Regione. “Un incontro molto positivo, utile e subito operativo – ha detto il presidente Ceriscioli – Abbiamo parlato dei nodi più urgenti da sciogliere per accelerare la ricostruzione: le risorse per le macerie, le ordinanze che applicano i provvedimenti legislativi che riguardano ad esempio l’anticipo ai professionisti, il problema della mancanza di personale e le assunzioni necessarie per poter ripartire. C’è poi la criticità di sempre, cioè la necessità di avere norme straordinarie per dare un ritmo diverso alla ricostruzione. A breve Legnini tornerà per incontrare i Sindaci e il territorio. Siamo ormai al quarto Commissario ed è veramente necessaria una svolta. Per questo auguro buon lavoro a Giovanni Legnini e assicuro, ovviamente, la massima collaborazione da parte della Regione Marche”.


Linda Cittadini

Giornalista professionista dal 2009, lavora per E'tv Marche, il canale 12 del digitale terrestre occupandosi di tg e approfondimenti tra cui "Sibilla, le voci della ricostruzione", progetto editoriale dell'emittente che ogni mercoledì alle 21,30 racconta la nuova vita delle persone e dell'Appennino centrale, dopo il terremoto del 2016.

Leave a Response