Il ministro Lamorgese incontra i parenti delle vittime di Corinaldo: “servono norme per i locali” – VIDEO

ANCONA – “Ci siamo attivati per arrivare a un Codice etico quindi un regolamento più serio per i locali che gestiscono eventi per i minori perché non ci sono norme rivolte ai gestori di locali che organizzano questo genere di eventi”.

A parlare è la presidente del Co.Ge.U (Comitato genitori unitario) Luigina Bucci al termine dell’incontro di questa mattina con il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, che si è tenuto in Prefettura ad Ancona. Il ministro è arrivato accompagnata dal Capo della Polizia Franco Gabrielli.

Lamorgese, insieme al prefetto di Ancona Antonio D’Acunto, ha incontrato una delegazione dei familiari delle sei vittime della tragedia della discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo. Presente Paolo Curi, marito di Eleonora Girolimini, i genitori e il fratello di Benedetta Vitali, i genitori e la sorella di Emma Fabini, i genitori di Mattia Orlandi.

“Ho dato indicazione al Prefetto – ha detto la Lamorgese in conferenza stampa – di scrivere ai sindaci per fare un censimento di quelle che sono le strutture dedicate al divertimento autorizzate in modo che vengano fatti controlli precisi, al di là di quelle che sono le autorizzazioni, verificare come vengono date le autorizzazioni, perché quello che è successo é di una gravità indescrivibile e non si deve ripetere mai più”.

Dopo l’incontro il ministro Lamorgese ha partecipato al Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica con, tra gli altri, il sindaco di Ancona Valeria Mancinelli, il presidente dell’Autorità di sistema Portuale Rodolfo Giampieri e i rappresentanti delle forze dell’ordine.

Reati in calo del 10% ad Ancona e del 13% in provincia, ma aumentano i casi di spaccio di droga tra i giovani. Il ministro ha richiamato il protocollo firmato nel 2019 per migliorare i controlli necessari sugli appalti della ricostruzione post sisma.

Leave a Response