Caporalato nel maceratese, Gdf sequestra beni per 700mila euro

MACERATA – I militari del Gico del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Ancona, nell’ambito dell’operazione “Girasole”, hanno sequestrato preventivamente beni per 700 mila euro nei confronti di un imprenditore agricolo pakistano di 45 anni, indagato per caporalato. Il provvedimento è stato emesso dal gip su richiesta del procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio.

Le indagini sono state condotte dal Nil carabinieri di Macerata. Sequestrati due immobili (un casale con magazzino e tre appartamenti) e due terreni agricoli della superficie complessiva di tre ettari, tutti nella provincia di Macerata. L’imprenditore avrebbe utilizzato nei campi agricoli a Montelupone e Recanati braccianti agricoli stranieri (alcuni richiedenti asilo con permesso di soggiorno provvisorio) per 12 ore al giorno, senza retribuzione adeguata né riposo settimanale. La Procura ha chiesto il controllo giudiziario dell’azienda agricola.
   

Leave a Response