Elezioni regionali, domenica la direzione Pd con Orlando per sciogliere i nodi – VIDEO

ANCONA – Il tempo delle decisioni potrebbe essere quasi arrivato per il Partito Democratico delle Marche. Si attende infatti la direzione regionale prevista per domenica 9 febbraio ad Ancona a cui presenzierà anche Andrea Orlando, per l’occasione inviato speciale del segretario dem, Nicola Zingaretti.
L’obiettivo dell’incontro è infatti quello di fare chiarezza in vista delle prossime elezioni regionali e, perché no, ufficializzare il nome del candidato governatore.

Al momento i papabili sarebbero tre. Oltre al governatore uscente Luca Ceriscioli, che punta al secondo mandato, ci sarebbe la sindaca di Ancona Valeria Mancinelli, sponsorizzata da un fronte del Pd, ma che però svicola, e l’ex rettore Sauro Longhi. Il professore potrebbe essere l’eventuale anello di congiunzione con il movimento 5 stelle, anche se stando alla linea dettata da Luigi Di Maio prima e Vito Crimi poi, l’idea è quella di correre da soli o appoggiati da liste civiche, ma non insieme al Partito Democratico.

Una situazione dunque ancora tutta da definire e in netta contrapposizione con il centrodestra dove invece il candidato alla presidenza è stato già annunciato: il deputato di Fratelli d’Italia Francesco Acquaroli. Una candidatura però sin da subito adombrata dalla mancata ufficializzazione della Lega, tanto da far pensare a una possibile ridivisione tra le tre forze del centrodestra delle Regioni al voto. Un’ipotesi scartata però dallo stesso Acquaroli.

La Lega per ora ha Friuli, Lombardia, Umbria e avrebbe messo gli occhi sulla Toscana. Forza Italia invece ha Liguria, Basilicata, Molise, Calabria e Piemonte, mentre a Fratelli d’Italia spetterebbero Marche e Puglia.

Nell’ipotesi però che una delle due regioni vada alla Lega, potrebbe essere rimessa in gioco l’assegnazione della Campania, prevista a Forza Italia. Anche in questo caso si attende il vertice fra Salvini, Meloni e Berlusconi che però ancora non ha una data definitiva.

Leave a Response