Terremotati e isolati, l’appello: “Ridateci il collegamento con Castelluccio” – VIDEO

I lavori sulla Pian Perduto sono fermi, tecnicamente a causa dell’inverno anche se la neve non si è vista e le temperature sono a tratti quasi primaverili. Il cantiere, da calendario, dovrebbe riprendere a metà marzo. Quando si rischia di affrontare l’inverno vero. Residenti stremati e primi cittadini alle prese con una ricostruzione ancora agli albori si sono riuniti per un appello comune da rivolgere in prima istanza alla provincia di Macerata per la riapertura della strada a senso unico alternato. 

Le interviste a cura di Barbara Olmai durante la riunione che si è tenuta a Castelsantangelo sul Nera

CASTELSANTANGELO SU NERA – “La gente arriva pensando che la strada sia aperta, altrimenti non gira nessuno”, così Stefania Servili, donna coraggiosa del terremoto che, dopo tante difficoltà, è riuscita a riaprire il suo b&b, con la nuova struttura a Gualdo di Castelsantangelo sul Nera, il piccolo paese, distrutto dalle scosse del 2016, a cavallo tra Marche e Umbria. In realtà il collegamento con Castelluccio di Norcia è interrotto ormai da quattro anni, tralasciando le aperture parziali del fine settimana in estate. L’imponente e lungo lavoro non ancora ultimato sulla strada provinciale 136, meglio conosciuta come  “Pian Perduto”, per un investimento di Anas di 14 milioni di euro, sta isolando l’Alto Nera e i commercianti che hanno riaperto nelle loro strutture delocalizzate, come spiegano Antonella, commerciante di Visso e Domenico Marzoli, titolare dello storico ristorante L’Erborista di Castelsantangelo.

I lavori sono fermi, tecnicamente a causa dell’inverno anche se la neve non si è vista e le temperature sono a tratti quasi primaverili. Il cantiere, da calendario, dovrebbe riprendere a metà marzo. Quando si rischia di affrontare l’inverno vero. Residenti stremati e primi cittadini alle prese con una ricostruzione che non c’è si sono riuniti per un appello comune da rivolgere in prima istanza alla provincia di Macerata per la riapertura della strada almeno a senso unico alternato. 

Linda Cittadini

Giornalista professionista dal 2009, lavora per E'tv Marche, il canale 12 del digitale terrestre occupandosi di tg e approfondimenti tra cui "Sibilla, le voci della ricostruzione", progetto editoriale dell'emittente che ogni mercoledì alle 21,30 racconta la nuova vita delle persone e dell'Appennino centrale, dopo il terremoto del 2016.

Leave a Response