Travolto dal treno: muore uno studente di 15 anni alla stazione di Loreto

Avrebbe attraversato i binari con il treno in arrivo: dramma nel primo pomeriggio alla stazione di Loreto. Muore un ragazzo classe 2003 residente a Civitanova.

LORETO – Avrebbe attraversato i binari con il treno in arrivo: dramma nel primo pomeriggio alla stazione di Loreto. Muore Mattia Perini, classe 2003, studente dell’istituto alberghiero Einstein-Nebbia nella città mariana. Probabilmente doveva prendere il treno per tornare a casa, a Civitanova. Fatale quel passaggio sui binari, come avrebbero confermato altri ragazzi, con il treno in transito, il Frecciargento 8820 (Taranto – Milano, 700-010) con a bordo 294 passeggeri. Sembra che il giovane avesse gli auricolari alle orecchie e non abbia sentito l’arrivo del convoglio. Un momento di distrazione cui è seguito l’impatto devastante che non ha lasciato speranze all’adolescente, nonostante il soccorso per cui era stata anche attivata l’eliambulanza partita dall’ospedale regionale, tornata tristemente vuota alla base. Per chiarire il quadro dell’incidente sono intervenuti gli agenti della Polfer, supportati dai Carabinieri di Loreto: l’ipotesi più accreditata è quella dell’incidente anche se, almeno in un primo momento, non è stato escluso neanche il gesto volontario. Preoccupati dal ritardo del figlio, i genitori avevano chiamato a scuola ed erano partiti in auto da Civitanova diretti a Loreto. Dove hanno ricevuto la notizia che nessuna famiglia vorrebbe avere.

Foto da www.marcheingol.it

Anche il calcio piange il giovane attaccante. Come riporta il sito www.marcheingol.it, Mattia giocava con la squadra Allievi del Montecosaro ed era cresciuto nella Scuola Calcio dell’Academy Civitanovese. Era figlio di Giordano Perini, ex allenatore di tante squadre del fermano e del maceratese ed attuale tecnico della Vis Civitanova femminile.

Linda Cittadini

Giornalista professionista dal 2009, lavora per E'tv Marche, il canale 12 del digitale terrestre occupandosi di tg e approfondimenti tra cui "Sibilla, le voci della ricostruzione", progetto editoriale dell'emittente che ogni mercoledì alle 21,30 racconta la nuova vita delle persone e dell'Appennino centrale, dopo il terremoto del 2016.

Leave a Response