Banca Marche, ex cda Cesarini sul banco dei teste – VIDEO

ANCONA – Nuova udienza in tribunale ad Ancona per il processo sul crac di Banca Marche per cui sono a processo a vario titolo per bancarotta fraudolenta, falso in bilancio e ostacolo della vigilanza 13 persone, tra cui l’ex direttore generale Massimo Bianconi, presente in aulae gli ex presidenti, Giuseppe Michele Ambrosini e Lauro Costa.

A salire per primo sul banco dei testimoni: Francesco Cesarini, membro del consiglio di amministrazione di Banca Marche tra il 2012 e il 2013, prima del commissariamento. Nel corso dell’udienza il teste è stato interrogato anche dal legale di Unione Nazionale Consumatori Corrado Canafoglia. Tra i temi affrontati dal legale i crediti deteriorati, ma anche le pratiche di finanziamento che secondo l’accusa avrebbero causato il dissesto dell’istituto di credito. Pratiche a cui però Cesarini, come da lui ribadito, non poteva aver accesso e di cui comunque ha detto di non ricordarsi.

In seguito nel pomeriggio è stata ascoltata anche Veronica Sappol, responsabile della filiale di Roma di Banca Marche, dove sono state presentate alcune delle pratiche di finanziamento che secondo l’accusa avrebbero causato il dissesto dell’istituto di credito. In particolare quelle dei gruppi Casale e De Gennaro. Interrogata dal Pm la donna ha negato di aver mai ricevuto pressioni per dare esito positivo alle pratiche.

Leave a Response