Post sisma, alloggi di emergenza montati sotto la pioggia

Succede ad Arquata del Tronto, dove è in corso il montaggio di una decina di Soluzioni Abitative di Emergenza nell’area di Borgo 2. Sui social la foto in cui si vede un telo a riparo solo di una parte del blocco, mentre piove.

ARQUATA DEL TRONTO – “Casette” post sisma montate sotto la pioggia: la foto di Francesco Riti che gira sui social scatena una lunga coda di commenti indignati. Le nuove Sae richieste circa un anno fa, una decina, nell’area di “Borgo 2”ad Arquata del Tronto vengono montate in questi giorni, dove in montagna il clima è già piuttosto rigido, tra pioggia insistente e umidità diffusa. Una condizione che fa sollevare dubbi, ricordando i disagi vissuti circa un anno fa a Visso, ad esempio, dove pochi mesi dopo essere rientrate a “casa”, alcune famiglie dovettero lasciare gli alloggi per consentire i lavori sui tetti. Le parti interne in legno compensato erano state montate umide, come avevano ricordato anche gli stessi residenti, e poi erano marcite, costringendo all’uscita gli occupanti poi rientrati pochi giorni dopo, una volta ultimati i lavori del Consorzio Arcale, una delle ditte indicate nel bando indetto dalla Protezione Civile. Altri problemi di umidità si erano verificati a Muccia come in altri comuni del cratere, in questo caso nelle Sae appaltate al Consorzio Cns, sui pavimenti da sostituire a casa di muffe se non addirittura funghi spuntati all’interno delle soluzioni abitative.

La ricostruzione ferma: ecco perché la richiesta di Sae aggiuntive. Sono passati più di tre anni dalla prima scossa distruttiva del 24 agosto ad Arquata del Tronto, uno dei comuni più duramente colpiti dal sisma del Centro Italia. Valutati i lunghi tempi della ricostruzione nel paese ancora ridotto a macerie, alcuni nuclei familiari che, in prima battuta, avevano rinunciato all’alloggio di emergenza, hanno richiesto più tardi le Sae per ritornare in paese. L’iter è partito dunque un anno fa e tra l’identificazione dell’area e l’urbanizzazione, il montaggio delle “casette” è arrivato a ridosso dell’inverno. Che in montagna non fa sconti.

Linda Cittadini

Giornalista professionista dal 2009, lavora per E'tv Marche, il canale 12 del digitale terrestre occupandosi di tg e approfondimenti tra cui "Sibilla, le voci della ricostruzione", progetto editoriale dell'emittente che ogni mercoledì alle 21,30 racconta la nuova vita delle persone e dell'Appennino centrale, dopo il terremoto del 2016.

Leave a Response