Notte di mareggiate nelle Marche, i balneari chiedono soluzioni rapide – VIDEO

MONTEMARCIANO – Nuova mareggiata nella notte a Marina di Montemarciano, meno irruenta rispetto a quella di quella del 13 e 16 novembre, ma non abbastanza per evitare che ancora una volta si torni a contare i danni.
Il Comune ha ancora una volta chiuso un tratto di strada sul lungomare là dove le onde del mare hanno scavato il terreno sottostante il manto stradale, causando il crollo di una porzione di asfalto.

Una situazione che si era già presentata lo scorso anno e che il comune aveva provveduto a riparare. Ma il mare ha continuato a scavare e a mangiarsi la spiaggia, ai danni degli esercenti.

Il conto dei danni sarà caricato dal Comune sulla piattaforma Rendis tramite il sistema della Regione Marche, così da poter ottenere un risarcimento. Ma la vera soluzione sarà lo sblocco dei 12milioni di euro stanziati dal Governo per la difesa del territorio dall’erosione costiera, che permetteranno la costruzione di barriere emerse. Nel frattempo il comune ha deciso il posizionamento di sacchi riempiti con ghiaia e sabbia, specifici per la difesa temporanea della costa.

La notte appena passata è stata critica anche sul litorale sud di Porto Sant’Elpidio, dove gli stessi stabilimenti già danneggiati nelle scorse settimane sono stati nuovamente sferzati da venti ed onde. Stavolta però le protezioni straordinarie posizionate da diversi chalet per arginare la furia del mare hanno limitato i danni alle strutture. A Porto San Giorgio la mareggiata è stata invece meno intensa rispetto a quella dei giorni scorsi. Il mare non è arrivato fino alla strada ma ha continuato la sua opera di erosione della spiaggia soprattutto nelle zone centro e sud dove tre scogliere dovranno essere oggetto di un’opera di rinfoltimento.

Leave a Response