Corruzione al Comune di Ancona, Sindaco Mancinelli: “Confidiamo nella giustizia” – VIDEO

ANCONA – Nelle intercettazioni parlano di caffè e cappuccini, ma secondo gli investigatori della Squadra Mobile di Ancona è solo un messaggio in codice usato per parlare degli affari che legavano un geometra dipendente del Comune dorico e un cartello di 4 imprenditori, ora arrestati con l’accusa di corruzione aggravata.

L’indagine iniziata un anno fa ha consentito di accertare che al centro del sistema c’era proprio il dipendente del Comune. Per gli inquirenti, l’uomo non rispettava il principio di rotazione di inviti e assegnazioni dei lavori e liquidava i compensi in modo “diretto e sistematico” alla stessa rosa di ditte amiche.

Tra i lavori interessati una serie di interventi di ristrutturazione e riqualificazione che hanno riguardato varie strutture pubbliche tra cui i laghetti del passetto, cimiteri e parcheggi.

Bonci si trova ora in carcere a Montacuto, mentre gli imprenditori edili 2 di Ancona, uno dell’Abruzzo e uno del sud delle Marche sono agli arresti domiciliari. Ma dalle indagini è emersa una serie di episodi che hanno coinvolto altre 30 persone indagate.

«Sto vivendo una tragedia che auguro non capiti a nessuno ma ho la coscienza a posto. Ci possono essere errori, ma delinquere è tutta un’altra cosa» il commento dell’Assessore ai Lavori pubblici Paolo Manarini, che ha ricevuto un avviso di garanzia nell’ambito dell’indagine . Massima collaborazione nelle indagini è stata garantita da tutta l’amministrazione comunale.

Leave a Response