Truffa dello specchietto, arrestato un uomo. L’appello dei carabinieri

Tenta per due volte di mettere a segno la truffa dello specchietto e in entrambi i casi viene smascherato dalle vittime: arrestato un 40 enne napoletano, finite nelle manette dei carabinieri della Tenenza di Falconara.

Venerdì pomeriggio c’è stata la prima vittima, una 23enne argentina. La donna, mentre era intenta a parcheggiare sulla Flaminia all’altezza del sottopasso di via Goito, dopo aver sentito un colpo all’altezza dello specchietto retrovisore destro, si vedeva avvicinare da un signore ben vestito a bordo di una Mercedes CLA di colore nero: «Ciao sono Carmine, mi hai rotto lo specchietto!».

In una manciata di secondi, l’uomo, con un chiaro accento meridionale, attraverso il proprio telefonino mostrava alla giovane donna il costo dello specchietto su eBay, circa 200 euro, invitandola così al risarcimento del danno evitando di interessare l’assicurazione. La 23 enne non è caduta nel tranello, invitando l’uomo a rivolgersi alla sua agenzia assicurativa avvisando che, in alternativa, avrebbe interessato immediatamente i carabinieri. In men che non si dica, il napoletano si è praticamente dileguato, facendo perdere le sue tracce. La giovane vittima ha fatto in tempo ad annotare il numero di targa della Mercedes, avvisando i carabinieri. E’ cosi è partita la ricerca del truffatore.

Sabato mattina, al 112 è arrivata una nuova chiamata per segnalare la presenza dell’uomo, ancora sulla Flaminia e a bordo della CLA nera. In meno di 15 minuti, i carabinieri della Tenenza di Falconara sono riusciti a localizzarlo bloccandolo a Castelferretti, su viale Marconi. L’uomo, un 40enne napoletano pluricensurato con precedenti specifici, alto circa 170 centimetri, viaggiava proprio a bordo della Mercedes
segnalata, nuova fiammante, ma con lo specchietto retrovisore sinistro (lato guida) visibilmente incrinato. All’interno della macchina un
ombrello, verosimilmente utilizzato per simulare l’urto contro lo specchietto delle sue vittime.

Anche in questo episodio la donna non è caduta nella tela. Mentre l’uomo bussava minacciosamente al suo finestrino tentando di estorcerle del denaro – il suo cellulare era già in collegamento con la centrale dei carabinieri e, attraverso le precise indicazioni della donna, ha potuto convogliare le ricerche sulla via di fuga intrapresa dall’uomo, bloccandolo in senso contrario all’altezza del distributore AGIP di viale Marconi. L’uomo risponderà di tentata truffa
continuata e sarà altresì proposto per il divieto di ritorno nel Comune di Falconara Marittima; l’auto che aveva in uso era stata affittata i primi
di settembre presso un’agenzia di autonoleggio in Molise e non è escluso che sia stata utilizzata altrove per il compimento dello stesso
raggiro. Per questi motivi, i carabinieri della Tenenza hanno diffuso le foto della Mercedes, nel caso qualcuno dovesse riconoscerne colore e
modello.

Leave a Response