Violenze e minacce di morte verso una ragazza e i suoi genitori: finisce ai domiciliari

Violenza sessuale aggravata, minacce e spaccio di droga: la squadra mobile di Ancona ha arrestato un 33enne di origini napoletane diventato un incubo per una ragazza di soldi 22 anni e la sua famiglia.

ANCONA – Violenza sessuale aggravata, minacce e spaccio di droga: la squadra mobile di Ancona ha arrestato un 33enne di origini napoletane diventato un incubo per una ragazza di soldi 22 anni e la sua famiglia. L’uomo, infatti, avrebbe violentato la giovane, e poi perseguitata arrivando a minacciare di morte anche i genitori della stessa. I poliziotti della Squadra Mobile di Ancona, guidati dal dottor Carlo Pinto, a seguito di una perquisizione, trovavano in casa una pistola ad aria compressa priva di tappo rosso poi sequestrata e messa disposizione dell’Autorità Giudiziaria per gli accertamenti balistici.

Le indagini erano scattate l’estate scorsa, con l’intervento di una volante per sedare una lite tra l’indagato e i familiari della vittima che tentavano di tenere la ragazza lontana dall’uomo. Un episodio che ha fatto emergere un quadro di violenza e soprusi ricostruito dalla Polizia di Stato sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Ancona. Disposti arresti domiciliari.

Linda Cittadini

Giornalista professionista dal 2009, lavora per E'tv Marche, il canale 12 del digitale terrestre occupandosi di tg e approfondimenti tra cui "Sibilla, le voci della ricostruzione", progetto editoriale dell'emittente che ogni mercoledì alle 21,30 racconta la nuova vita delle persone e dell'Appennino centrale, dopo il terremoto del 2016.

Leave a Response