Uccisa per pochi spiccioli: scatta la perizia psichiatrica

Perizia psichiatrica su Maurizio Marinangeli, il 58enne affetto da ludopatia, accusato di aver ucciso la vicina di casa Emma Grilli il 17 luglio 2018, a Chiaravalle. La richiesta, formulata durante la prima udienza del processo, dagli avvocati della difesa, Raffaele Sebastianelli e Emiliano Carnevali, è stata accolta dalla Corte di Assise (presiede il giudice Carlo Masini) ma solo per constatare se l’imputato era in grado di intendere e di volere al momento del fatto.

I legali avevano chiesto la perizia anche per verificare la capacità di Marinangeli di stare a processo, ma la Corte non l’ha accolta, non ravvisando al momento elementi che lo facciano dubitare. L’incarico sarà affidato allo psichiatra Fabio Santarini, di Rimini, scelto dal tribunale.

Il conferimento avverrà nella prossima udienza, fissata per l’11 ottobre. In quella data si darà avvio anche alle audizioni dei primi testi della Procura. Quattro le costituzioni di parte civile, tramite l’avv. Massimiliano Russo.

Leave a Response