Alluvione Senigallia anche Ministero Interni e Presidente del Consiglio responsabili – VIDEO

ANCONA – Confermato dal Giudice dell’udienza preliminare il ruolo di responsabilità civile del  ministero degli Interni e la presidenza del Consiglio dei Ministri, nelle rispettive competenze di Protezione Civile, per i danni causati dall’alluvione di Senigallia del 3 maggio 2014.

La decisione arriva nell’arco dell’udienza svoltasi al Tribunale penale di Ancona, al termine della quale è stata fissata una nuova udienza il prossimo 28 novembre.

In totale sono 8 gli indagati per i danni causati dall’esondazione del fiume Misa tra cui il Sindaco Maurizio Mangialardi e l’ex primo cittadino Luana Angeloni.

Sono stati inoltre chiamati in causa come responsabili civili il Comune di Senigallia, la Provincia, la Regione Marche e il dipartimento di Protezione civile.Oltre 400, tra persone fisiche e aziende, chiedono un risarcimento danni pari a 40 milioni di euro.

Leave a Response