Maltempo: infiltrazioni nella nuova scuola a San Severino

Il violento nubifragio della scorsa notte ha provocato un allagamento nell’ala sud – est del nuovo plesso scolastico post sisma dell’Istituto comprensivo “P. Tacchi Venturi” di San Severino Marche, inaugurato a settembre 2018 dal presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte.

SAN SEVERINO – Piove sul bagnato, letteralmente. Il violento nubifragio della scorsa notte ha provocato un allagamento nell’ala sud – est del nuovo plesso scolastico di via Lorenzo d’Alessandro dell’Istituto comprensivo “P. Tacchi Venturi” di San Severino Marche. Una della nuove strutture del post sisma marchigiano inaugurato a settembre 2018 dal presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte.
La pioggia caduta copiosamente in poche ore, fa sapere il comune in un comunicato, non è riuscita a defluire nei discendenti di scolo a causa dell’ostruzione di alcuni di questi per la presenza di palloni da gioco finiti sul tetto durante le attività degli alunni.


L’acqua filtrata dal controsoffitto è scesa fino ai pannelli prefabbricati delle pareti interessando ben quattro aule che sono state immediatamente sgomberate per consentire le operazioni di pulizia da parte del personale della scuola e la verifica e il controllo da parte dei tecnici comunali dell’ufficio Manutenzioni. Gli alunni hanno potuto comunque seguire le lezioni regolarmente dopo essere stati spostati temporaneamente nell’aula multimediale. Per gli studenti di una delle quattro classi già in mattinata è stato deciso il rientro nell’aula interessata dall’infiltrazione. E’ ipotizzabile che entro la giornata di domani la situazione torni alla normalità.

Linda Cittadini

Giornalista professionista dal 2009, lavora per E'tv Marche, il canale 12 del digitale terrestre occupandosi di tg e approfondimenti tra cui "Sibilla, le voci della ricostruzione", progetto editoriale dell'emittente che ogni mercoledì alle 21,30 racconta la nuova vita delle persone e dell'Appennino centrale, dopo il terremoto del 2016.

Leave a Response