Contro le liste di attesa in sanità: bene il “bonus”. Per il “malus” arrivano le sanzioni VIDEO

Il punto con il presidente della Regione Luca Ceriscioli

Liste di attesa per le visite, croce della sanità. La regione Marche, con l’introduzione del meccanismo bonus/malus e la riorganizzazione del sistema di prenotazione, tramite anche la app, stila un bilancio positivo.

ANCONA – Liste di attesa per le visite, croce della sanità. La Regione Marche, con l’introduzione del meccanismo bonus/malus e la riorganizzazione del sistema di prenotazione, tramite anche la app, stila il bilancio: ad agosto, mese critico a causa delle ferie del personale, la percentuale di prestazioni brevi soddisfatte ha segnato il 98,1% e per le differibili il 99%. Tra il primo giugno e il 31 agosto le prestazioni erogate per i codici B e D sono state 78.072, ben 9.490 in più rispetto alle 68.582 del 2018 e 23.929 in più rispetto alle 54.143 prestazioni del 2017.

In sostanza il bonus consente la prestazione sempre garantita in base al codice di priorità, mentre con il malus paga chi non disdice l’appuntamento e non si presenta. Aumentano di 20,438 i posti disponibili tra strutture pubbliche e private convenzionate.

Linda Cittadini

Giornalista professionista dal 2009, lavora per E'tv Marche, il canale 12 del digitale terrestre occupandosi di tg e approfondimenti tra cui "Sibilla, le voci della ricostruzione", progetto editoriale dell'emittente che ogni mercoledì alle 21,30 racconta la nuova vita delle persone e dell'Appennino centrale, dopo il terremoto del 2016.

Leave a Response