Tre anni dal sisma, Ceriscioli: “Dal Governo 0 collaborazione” – VIDEO

ANCONA – A quasi 3 anni dal sisma del 2016 la Regione Marche tira le somme su quanto fatto finora per avviare il processo di ricostruzione con la presentazione del documento Rendicontiamo Le Marche.

Il focus ha riguardato in particolar modo il lavoro portato avanti nell’ultimo anno e da Palazzo Raffaello si leva la protesta contro la mancanza di collaborazione e di risposte da parte del Governo.

“Il nuovo governo – ha spiegato il governatore Luca Ceriscioli – si era impegnato in campagna elettorale per imprimere una svolta, promettendo un’accelerazione delle procedure, più personale e più risorse. Ma in un anno non ha semplificato le norme e non ha aumentato il personale, e infatti il ritmo della ricostruzione procede esattamente come procedeva prima”.
 Secondo Ceriscioli, c’è “zero interesse” da parte dell’esecutivo gialloverde: “Quando è venuto il Papa a Camerino non c’era nessuno del governo. Si parla per una settimana di una barca con 20 migranti e non si parla più di 30 mila persone che sono ancora oggi fuori dalle loro case”.

Un miliardo e 600 milioni i fondi stanziati dai governi precedenti da spendere in risorse per l’emergenza, lo sviluppo e la ricostruzione.
Allo stato attuale per la ricostruzione privata sono state autorizzate 2.791 pratiche per un totale di 415 milioni di euro e per la ricostruzione pubblica sono stati approvati 223 progetti per un totale di 121,5 milioni di euro. Nell’ambito del Piano di sviluppo rurale sono stati emanati bandi per 93 mln  ed erogati 23 mln di risorse a 3.277 aziende.

Per quanto riguarda infine il FESR (Asse 8) ammontano a 92 mln le risorse stanziate attraverso i bandi. Ad oggi 315 beneficiari pubblici e privati hanno ricevuto 8 milioni di euro.

Si sta inoltre portando a termine il lavoro delle perimetrazioni per poter capire dove, come e quando avviare la ricostruzione.

Leave a Response