Nella morsa del caldo: decessi e raffica di malori – VIDEO

Un uomo di 80 anni è morto stamattina mentre faceva il bagno alla spiaggia urbana del Passetto ad Ancona. Una turistica americana si è spenta nel pomeriggio al porto in attesa del traghetto per la Grecia. Identificata la donna trovata senza vita tra le onde a Collemarino nella tarda serata di martedì. Anche lei sarebbe stata colta da un malore prima di finire in mare.

Una giornata da dimenticare: malori e decessi specie sul litorale

ANCONA – Ad accorgersi di quel corpo che annaspa in acqua, nella zona della “seggiola del Papa”, è un grottarolo del Passetto, con un passato da Vigile del fuoco. Lo porta fuori e tenta per primo di strappare l’anziano alla morte, mentre scattano le chiamate di soccorso alla medicheria e punto di primo intervento allestito nella spiaggetta urbana di Ancona, ai piedi dell’ascensore e al 118 che giunge poco dopo. Intervengono la Croce Rossa e la Guardia Costiera, ma nonostante lunghi tentativi di rianimazione, non c’è nulla da fare. Muore così, in un tuffo per affrontare la calura di una torrida giornata di luglio, Adolfo Sampalmieri, 80 anni, residente ad Ancona. L’anziano sarebbe stato colto da un malore, mentre si trovava almeno a 150 mt di distanza fuori dal perimetro delle acque controllate.

Una turista si accascia al porto e muore in attesa del traghetto. Nella morsa del caldo si moltiplicano i malori: mortale quello avvenuto nel porto di Ancona nella zona imbarchi. Vittima una turista americana di 64 anni che stava per salire su un traghetto per la Grecia. Si è accasciata e si è spenta davanti alla sua compagna di viaggio. Meno gravi gli altri episodi avvenuti in mattinata con l’intervento della Croce Gialla per un signore di 70 anni che si è sentito male sull’autobus e un marittimo originario del Nord Africa che ha avuto un malore al porto, mentre era a lavoro. Per fortuna nulla di grave.

Donna trovata morta tra le onde a Collemarino: identificata. Un altro malore. Sarebbe riconducibile a un malore anche la morte della donna trovata senza vita tra le onde del mare, nello specchio d’acqua sul litorale anconetano di Collemarino, martedì sera attorno alle 23. C’era stato anche l’intervento della Polizia di Ancona.

La donna è stata identificata nel pomeriggio di oggi: aveva 65 anni, si chiamava Annamaria Canonico e viveva in zona. Il marito in mattinata ne ha denunciato la scomparsa, poi nel pomeriggio c’è stata la dolorosa identificazione. La donna si sarebbe sentita male e poi stramazzata in mare.

Quando il soccorso scatta via mare. In situazioni di emergenza la Guardia Costiera può allertare la Società Nazionale di Salvamento che ha il suo gommone da sei metri e mezzo, 175 cavalli a Portonovo di Ancona e il suo equipaggio. Una sorta di un’ambulanza galleggiante attrezzata per rispondere alle esigenze di un litorale dove nei giorni di massima affluenza si arrivano a contare diverse migliaia di persone. Diversi gli interventi richiesti, dal raggiungimento di zone difficili, come la spiaggia di Mezzavalle, per le cadute lungo lo stradello, come avvenuto sabato scorso, così come per ferite ed escoriazioni o dove l’intervento via mare esige massima rapidità.

Come funziona il salvataggio in mare: quando la Guardia Costiera allerta la Società Nazionale di salvamento

Linda Cittadini

Giornalista professionista dal 2009, lavora per E'tv Marche, il canale 12 del digitale terrestre occupandosi di tg e approfondimenti tra cui "Sibilla, le voci della ricostruzione", progetto editoriale dell'emittente che ogni mercoledì alle 21,30 racconta la nuova vita delle persone e dell'Appennino centrale, dopo il terremoto del 2016.

Leave a Response