Macerie post sisma: arrestati un funzionario della regione e l’esponente di un’impresa

Svolta nelle indagine per la gestione delle macerie del post sisma nell’Ascolano. Custodia cautelare in carcere per un funzionario della Regione Marche e l’esponente di un’impresa locale coinvolta nella filiera.

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Che ci fosse un’indagine era noto ed ora sono scattati gli arresti con la custodia cautelare in carcere per l’esponente di un’impresa locale e di un funzionario della Regione Marche. Il nodo è quello della gestione delle macerie del post sisma nelle province di Ascoli Piceno e Macerata. A dare esecuzione all’ordinanza del giudice sono stati gli uomini della Compagnia della Guardia di Finanza di San Benedetto del Tronto e della sezione di Polizia giudiziaria della Procura di Ascoli Piceno. I due, nei prossimi giorni, saranno sottoposti a interrogatori di garanzia. Gli arresti, da quanto si apprende, sono stati disposti, per il pericolo di inquinamento delle prove. Stando a quanto riporta l’Ansa si tratta del funzionario Stefano Mircoli e dell’imprenditrice Cristina Perotti, amministratrice della ditta Dimensione Scavi, con sede a San Benedetto del Tronto.

Le ipotesi sono corruzione e rivelazione di segreti d’ufficio. Le indagini, partite da accertamenti su un caso di riciclaggio, avrebbero raccolto gravi indizi di “asservimento” del funzionario nei confronti di una società locale occupata nella lavorazione delle macerie. Tra i due non ci sarebbe stato passaggio di denaro, piuttosto un presunto scambio di informazioni e vantaggi, in un quadro di intenso rapporto di collaborazione, secondo quanto sarebbe stato scoperto anche tramite intercettazioni telefoniche.

Le indagini sono partite da un altro fascicolo per riciclaggio che poi ha fatto emergere altri elementi indiziari ritenuti “gravi” dalla procura di Ascoli Piceno e dal giudice per le indagini preliminari in relazione ad uno stabile asservimento del funzionario pubblico agli interessi della società privata e quindi ad un condizionamento delle procedure riguardanti la gestione delle macerie in cui il terremoto ha ridotto case ed edifici, in particolar modo nel comune di Arquata del Tronto.


Linda Cittadini

Giornalista professionista dal 2009, lavora per E'tv Marche, il canale 12 del digitale terrestre occupandosi di tg e approfondimenti tra cui "Sibilla, le voci della ricostruzione", progetto editoriale dell'emittente che ogni mercoledì alle 21,30 racconta la nuova vita delle persone e dell'Appennino centrale, dopo il terremoto del 2016.

Leave a Response