Tragedia in porto: “Ora basta” – VIDEO

Scatta lo sciopero al porto di Ancona, dopo il tragico incidente sul lavoro costato la vita a Luca Rizzeri, 33 anni. Il giovane è stato colpito al collo da una grossa cima in fibra sintetica che si è spezzata durante l’ormeggio di una nave portacontainer. Una frustata che lo ha lasciato senza vita.

Nel video di Linda Cittadini le sirene delle navi a lungo la banchina 23. I sindacati gettano in mare garofani rossi

Le confederazioni di Cgil, Cisl e Uil, insieme a Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti, si sono fermate per
un’ora di sciopero dalle 11 alle 12, con sit- in davanti alla sede dell’Autorità portuale. La somma raccolta da questo
sciopero verrà devoluta alla famiglia della vittima.
«Da tempo il sindacato denuncia il problema delle interferenze sulle banchine – scrivono le sigle in una nota –, che sono causa costante di
incidenti sul lavoro anche mortali. L’ultimo, in ordine di tempo, era stato quello accaduto sulla piattaforma, al largo del mare Adriatico.
Abbiamo chiesto un coordinamento sulla sicurezza per il porto tra le aziende operanti all’interno dello scalo per discutere proprio di questo
problema ma, ancora una volta, sono rimasti inascoltati. In programma un incontro con l’Autorità portuale con focus sulla sicurezza.

In Consiglio regionale un minuto di silenzio

Un minuto di silenzio è stato osservato in apertura di seduta del Consiglio Regionale delle Marche. Il momento di raccoglimento è stato proposto dal consigliere Gianluca Busilacchi (Art.1-Mdp) e subito accolto dal presidente Antonio Mastrovincenzo.

Leave a Response