Api, nuova fumata nera, la causa un disservizio elettrico

FALCONARA – Ancora segnalazioni per il fumo proveniente dalla raffineria Api di Falconara. A crearlo, da metà mattina, un disservizio interno all’impianto. La situazione, attualmente, è monitorata dai tecnici dell’Arpam.

Il Comune fa sapere attraverso una nota che: “Dall’Arpam è stato appena comunicato che le centraline per il monitoraggio della qualità dell’aria non hanno rilevato anomalie, anche perché il vento ha portato il fumo verso il mare. Il sopralluogo dei tecnici dell’Arpam è ancora in corso per capire l’evoluzione della situazione.

Il Comune ha ricevuto comunicazione da API Raffineria riguardo a un disservizio elettrico che ha causato il blocco di processo di alcuni impianti, con conseguente fumosità di torcia. La stessa raffineria informa che procederà appena possibile con le operazioni di riavviamento.
La polizia locale è stata allertata alle 11.50 dal settore Ambiente dopo le segnalazioni dei cittadini. Il sindaco ha segnalato l’evento ad Arpam, Asur, comando provinciale dei vigili del fuoco, Ministero dell’Ambiente, Ministero della Salute, Ispra e per conoscenza alla Regione Marche, al Comando di polizia locale e alla Prefettura di Ancona”.

Slitta nel frattempo a data da destinarsi la presentazione del progetto “Sistema di Controllo e Monitoraggio delle immissioni odorigene nel Comune di Falconara Marittima”, prevista per domani (mercoledì 22 maggio n.d.r.) alla Regione Marche.

Leave a Response