Incendio Tontarelli. Ipotesi stufetta come causa del rogo. Il lavoro dei Vigili del Fuoco – VIDEO

ANCONA – Una stufetta usata dagli operai per riscaldarsi nell’area di lavoro, in un spazio circoscritto di 10 metri quadrati, sarebbe stata la causa del rogo divampato ieri nello stabilimento della Tontarelli.

È una delle ipotesi al vaglio della Procura di Ancona: il pm Rosario Lioniello ha aperto un fascicolo per incendio contro ignoti. Escluso il dolo, l’incendio avrebbe avuto un’origine accidentale. La stufetta potrebbe aver surriscaldato il materiale plastico nelle immediate vicinanze scatenando un’autocombustione che ha fatto divampare le prime fiamme. Non è escluso che la Procura disponga una consulenza tecnica oppure un incidente probatorio per cristallizzare eventuali prove che potrebbero andare perse fino alla chiusura del fascicolo. Sul posto hanno lavorato per l’intera giornata i vigili del fuoco arrivati sin dalle prime luci dell’alba.

Proseguono i rilievi da parte dell’Arpam, in collaborazione con l’Asur e il Noe dei Carabinieri. Dopo i primi dati che hanno escluso diossina nell’aria e un controllo sulle acque per eventuale presenza di schiumogeni o combusto, si passerà al campionamento del suolo nell’area a sud-est dello stabilimento Tontarelli.

Leave a Response