Botte e minacce di morte alla compagna costretta a prostituirsi, arrestato un uomo

ANCONA – Picchia per anni la compagna a volte arrivando anche a minacciarla di morte. La squadra mobile di Ancona ha emesso un’Ordinanza di custodia cautelare nei confronti di un cittadino rumeno responsabile di atti persecutori e sfruttamento della prostituzione ai danni della sua compagna.

La donna dopo una convivenza fatta di soprusi e violenze si è rivolta alla Polizia di Ancona per porre fine all’incubo.
Oltre alle continue violenze fatte di schiaffi e calci, l’uomo pretendeva dalla donna gli incassi della attività di meretricio.

In uno degli innumerevoli episodi di violenza aveva tentato di investirla con la macchina, in un’altra occasione invece l’aveva cosparsa di benzina, minacciando di bruciarle la casa. La donna lo avrebbe minacciato più volte di chiamare la Polizia e di lasciarlo ma lui le diceva che se lo avesse fatto l’avrebbe uccisa e che non aveva paura di finire in carcere.

Le indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Ancona culminavano con l’emissione da parte del Gip dell’Ordinanza di custodia cautelare dell’allontanamento dall’abitazione familiare, con divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla donna.

Leave a Response